Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Crescita retribuzioni, registrato il valore più basso dal 1982
di Redazione

+0,8% nel primo trimestre 2016

Tags: Lavoro, Istat, Retribuzioni



ROMA - Alla fine di marzo 2016 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica riguardano il 40,8% degli occupati dipendenti e corrispondono al 38,7% del monte retributivo osservato. Lo comunica l’Istat.
Tra i contratti monitorati dall’indagine, nel mese di marzo sono stati recepiti due nuovi accordi e nessuno è scaduto.

Complessivamente, i contratti in attesa di rinnovo sono 45 (di cui 15 appartenenti alla pubblica amministrazione) relativi a circa 7,6 milioni di dipendenti (di cui circa 2,9 milioni nel pubblico impiego).

Alla fine di marzo la quota dei dipendenti in attesa di rinnovo è del 59,2% nel totale dell’economia e del 47,3% nel settore privato. L’attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è in media di 39,9 mesi per l’insieme dei settori e di 18,2 mesi per quelli del settore privato. L’indicatore della vacanza contrattuale calcolata sull’insieme dei dipendenti è il più alto dal 2005 cioè dall’inizio della serie storica. A marzo ha toccato i 23,6 mesi, cioè quasi due anni.

A marzo la crescita delle retribuzioni contrattuali orarie nel primo trimestre del 2016 (+0,8%) rispetto ai trimestri precedenti segna il valore più basso dall’inizio della serie storica, cioè dal 1982.

Articolo pubblicato il 29 aprile 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus