Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Iacp e morosi: "buco" da 170 mln di euro
di Luca Mangogna

Gestione degli Istituti autonomi case popolari impossibile senza l’incasso dei canoni di locazione dovuti. La Regione inadempiente non ha varato una riforma come altre realtà nazionali

Tags: Iacp, Casa Popolare



PALERMO - Casse a secco, niente risorse per le sempre più urgenti manutenzioni, morosità alle stelle e occupazioni abusive in crescendo. Questa la fotografia, tutt’altro che rassicurante, degli Istituti autonomi case popolari della Sicilia, dieci Enti (oltre ai nove nei vari capoluoghi c’è anche quello di Acireale, in provincia di Catania), alle prese con criticità sempre più grandi e via via più difficili da risolvere.
Una situazione che, stando ai vertici degli Istituti, resta ingessata soprattutto a causa dell’immobilismo della Regione siciliana, incapace di varare una riforma in grado di risolvere strutturalmente i tanti mali del settore.
Basterebbe seguire l’esempio di altre realtà nazionali, che da tempo hanno già legiferato in materia. Ma su questo fronte, a Palermo sembrano tutti sordi.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 30 aprile 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus