Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Un tavolo tecnico permanente per i lavori dell'anello ferroviario
di Redazione

Il Comune di Palermo a Tecnis: “Rispettare le scadenze”

Tags: Palermo, Tecnis, Anello Ferroviario, Rfi, Italferr



PALERMO - L’Amministrazione comunale ha incontrato Rfi e Italferr per valutare la complessa vicenda dell’appalto per il completamento dell’anello ferroviario, affidato alla società in Amministrazione giudiziaria Tecnis Spa. “La ridotta produzione e l’incremento del contenzioso per richieste di maggiori compensi – ha affermato il vice sindaco Emilio Arcuri, che ha coordinato l’incontro - hanno raggiunto, ormai, livelli di criticità che impongono approfondite e definitive valutazioni sulla prosecuzione dell’appalto”.

Rfi e Italferr hanno rappresentato all’Amministrazione comunale come il contratto d’appalto nella sua stesura, e il progetto esecutivo che ne è derivato, non consentano oggi di accertare la violazione prevista dall’art. 119 dal regolamento approvato con il Dpr 544/99 e ciò malgrado l’evidente sottoproduzione e il conseguente disagio alla città. Per tale ragione, il vice sindaco si è riservato di chiedere al prefetto, Antonella De Miro, la convocazione di un nuovo incontro, con Rfi e l’amministratore giudiziario di Tecnis Spa, Saverio Ruperto, per acquisire in via ultimativa volontà e potenzialità dell’impresa di portare a termine l’appalto.

“Chiederemo con Rfi all’amministratore giudiziario – hanno detto il sindaco Leoluca Orlando e il vice sindaco - di impegnarsi formalmente a potenziare maestranze, mezzi e risorse per rispettare gli impegni assunti di riaprire alla viabilità l’attuale cantiere di via Amari per il prossimo marzo 2017, così come previsto dal cronoprogramma dell’opera, e di recuperare il grave ritardo maturato nell’area di viale Lazio e via Sicilia e di riprendere i lavori in area portuale”.

“La rimodulazione – hanno aggiunto - concentrando gli interventi nelle aree con scadenze definitive, è infatti l’unica modalità che consente, per singola area, di redigere cronoprogrammi certi. Ci auguriamo che l’amministratore giudiziario, che più volte ha sottolineato di rappresentare lo Stato e non gli interessi di un privato imprenditore, saprà garantire il bene comune della cittadinanza, che patisce gravissimi disagi e pregiudizi economici, in un quadro di incertezza non più sopportabile”.

L’amministrazione e Rfi hanno costituito un tavolo tecnico permanente per la soluzione delle singole criticità che l’impatto dei lavori sulla città determina.

Articolo pubblicato il 11 maggio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus