Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Sanatorie, tesoretto da 300 mln di euro
di Rosario Battiato

Quanto potrebbero incassare i tre capoluoghi tra oneri concessori, oblazione, diritti di istruttoria, diritti di segreteria. Quasi novantamila pratiche ancora da esitare negli uffici di Palermo, Catania e Messina

Tags: Sanatoria



PALERMO - Il capoluogo, Catania e Messina tengono chiuse nei loro cassetti quasi 90 mila pratiche di sanatorie edilizie inevase, che potrebbero portare nelle casse degli Enti in questione, circa 300 milioni di euro.
Lo rivelano i dati siciliani del Rapporto del Centro studi Sogeea, che ha fatto il punto della situazione a oltre tre decenni dalla prima legge sul condono edilizio. Uno studio che è stato presentato alla fine di aprile in Senato.
Nella classifica nazionale, dominata da Roma con quasi 600 mila domande presentate e 213 mila ancora da evadere, Palermo si prende il settimo posto per totale delle istanze presentate. Sul fronte dei carteggi ancora da evadere, sempre alle spalle dell’insuperabile Capitale, si trova proprio il capoluogo regionale (55 mila) che batte persino Napoli (45.763) e confeziona un podio tutto centro-meridionale.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 12 maggio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus