Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Rapporto diretto tra Pil e numero di laureati
di Redazione

Ieri a Roma il convegno dal titolo “Terza Missione e Trasferimento Tecnologico: il ruolo del Cnr e dell’Università”. La laurea come valore aggiunto per l’economia, la vera sfida è trasferire le conoscenze alla società

Tags: Economia, Laurea, Pil, Cnr, Università



ROMA - L’Università deve sviluppare capacità e non nozioni. Dobbiamo convincere i politici, il governo che questo bagaglio di conoscenza, talenti, creatività e innovazione muove l’economia del Paese".

Ha esordito così Giuseppe Novelli, Rettore dell’università di Roma Tor Vergata e vicepresidente del CRUI, aprendo i lavori del convegno “Terza Missione e Trasferimento Tecnologico: il ruolo del Cnr e dell’Università”, organizzato dall’ente di ricerca e dal secondo ateneo romano, in svolgimento presso la Sala convegni della Macroarea di Ingegneria di Tor Vergata. Presenti il presidente del Cnr Massimo Inguscio, i rettori delle università laziali, l’assessore allo Sviluppo economico e Attività produttive della regione Lazio Guido Fabiani, rappresentanti di Miur e Confindustria.

“Diversi studi - ha detto ancora Novelli - dimostrano che esiste un rapporto diretto tra Pil e numero di citazioni delle pubblicazioni scientifiche”.

La laurea è un valore aggiunto per l’economia, esiste un rapporto diretto tra ricchezza di un Paese e numero di laureati. La Terza Missione delle Università - dopo insegnamento e ricerca - è proprio entrare in interazione diretta con la società, anche - ma non solo - con il trasferimento tecnologico.

"Il tessuto industriale italiano è straordinario, fatto da moltissime Pmi che devono innovare per non rimanere fuori dal mercato - ha detto Novelli - e per farlo devono investire in Ricerca e Sviluppo, servono risorse e tempo. Allora perché non aprire i dipartimenti delle università, con il loro portafoglio di competenze, di cose che sappiamo fare da sempre cioè innovare un prodotto che sia competitivo per reimmetterlo sul mercato? A quel punto si dividono le royalties, non vogliamo finanziamenti per borse di studio. Bisogna però avere idee nuove da portare all’interno delle università, questo è l’impegno della Terza Missione".

Quindi ha preso la parola il presidente del Cnr Massimo Inguscio, che - ha sottolineato Novelli - "si presenta all’accademia. Lo ha fatto in Lombardia, alla Bicocca; al Sud a Catania e oggi a Roma”.

Questo presentarsi all’accademia, ha spiegato Inguscio, punta a dare un messaggio fondamentale: “Occorre tornare a una intersecazione pesantissima tra Cnr e università".
Una missione a cui ben si presta l’Ente forte della sua multidisciplinarietà.

“Ormai - ha detto il presidente del Cnr - la ricerca di eccellenza si fa, ora in Europa si guarda all’innovazione di eccellenza”. Ce n’è ancora troppo poca e serve un quadro normativo che “è questione delicata” perché poi si apre il problema degli aiuti di Stato. Durante il semestre di presidenza italiana il governo ha lavorato molto alla creazione di un European Innovation Council, l’analogo dell’Erc per la ricerca.

Ricerca, per la quale in Italia, - ha aggiunto Inguscio - “serve una strategia”. “A chi mi chiede cosa penso del Piano nazionale della ricerca rispondo che è un Piano. E questo è già una prima cosa positiva”.
 
Dopo aver annunciato la decisione assunta dal cda dell’ente di bandire 82 posti da ricercatore e aver ricordato la multidisciplinarietà che contraddistingue l’attività del Cnr, l’ampia collaborazione con le università, Inguscio si è soffermato sull’intenzione di rafforzare anche i legami con il mondo delle imprese, ad esempio attraverso l’elaborazione di progetti pilota di “dottorati industriali” in collaborazione con CRUI e Confindustria.
 

 
Cnr. Al via assunzione di 82 ricercatori d’eccellenza
 
ROMA - “Il cda del Consiglio nazionale delle ricerche ha deliberato i criteri dei bandi per assumere entro quast’anno 82 ricercatori che andranno a coprire 24 aree che sono in linea con i panel dell’European Research Council, cioè gli indirizzi individuati dall’Europa come strategici per il nostro futuro, e rispecchiano la multidisciplinarietà propria del Cnr”.
Ad annunciarlo il presidente del Cnr Massimo Inguscio durante i lavori del convegno “Terza Missione e Trasferimento Tecnologico: il ruolo del Cnr e dell’Università”, organizzato dall’Ente e dall’università di Tor Vergata in svolgimento presso la Sala convegni della macroarea di Ingegneria della seconda università romana.
Le 24 aree dei bandi vanno dalla biomedicina ai cambiamenti climatici, dalla chimica verde all’agro-food, dalla genetica all’informatica e Itc, dall’innovazione socio-culturale al cervello umano, dai nuovi materiali alle tecnologie quantistiche.
Le procedure saranno estremamente celeri, il provvedimento ministeriale recepito nella Legge di stabilità precisa infatti che le assunzioni devono essere effettuate entro il 2016.

Articolo pubblicato il 16 giugno 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus