Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Dall’impresa domanda via web e impegno a investire entro 6 mesi dall’accoglimento
di Lucia Russo

Precedenza alle domande presentate nell’anno precedente e non accolte per esaurimento dei fondi stanziati. Sono esaminate le istanze di ammissione al beneficio secondo l’ordine cronologico di invio

Tags: Pmi



Si intende favorire anche la crescita dimensionale delle piccole e medie imprese,per cui il contributo su progetti d’investimento iniziale nella forma di credito d’imposta alle imprese è concesso anche alle Pmi operanti nei settori di cui ai commi 1, 2 e 3 dell’articolo 1, derivanti da processi di concentrazione di due o più imprese esistenti, nella misura maggiormente vantaggiosa tra quelle indicate nelle tabelle A) e B) dell’articolo 3, rispettivamente con riferimento al numero di dipendenti dell’impresa richiedente, o, in alternativa, alla somma dei fatturati delle società partecipanti al processo di concentrazione.
Il processo di concentrazione però deve aver rispettato determinate condizioni di cui all’articolo 4, mentre all’articolo 5 è ben specificato cosa si intende per concentrazione.

Modalità applicative
All’articolo 6 sono indicate le modalità applicative del credito d’imposta, il quale, con riguardo ai nuovi investimenti eseguiti in ciascun periodo d’imposta, va indicato nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno di maturazione ed è utilizzabile esclusivamente in compensazione, ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241 e successive modifiche ed integrazioni, a decorrere dalla data di sostenimento dei costi.
I soggetti ammessi ai benefici, indicano nella dichiarazione annuale dei redditi relativa all’esercizio in cui sono effettuati gli investimenti, l’ammontare dei nuovi investimenti effettuati, l’ammontare del contributo utilizzato in compensazione, nonché ogni altro elemento ritenuto utile indicato nelle istruzioni dei modelli.
Nel comma 3 dell’articolo 6 si indica cosa si intende per nuovi investimenti che possono usufruire di credito d’imposta. 

Invio dell’istanza via e mail
L’istanza per ottenere il contributo (art. 7) va inviata per email in apposito modello - predisposto dal decreto assessoriale - indicante oltre agli elementi identificativi, l’ammontare complessivo dei nuovi investimenti ed il credito spettante, nonchè l’impegno, a pena del disconoscimento del beneficio, ad avviare la realizzazione degli investimenti, successivamente alla data di accoglimento dell’istanza stessa e comunque entro sei mesi dalla predetta data. L’istanza deve, inoltre, riportare i contenuti della perizia giurata di cui al comma 3, con particolare riferimento alla descrizione del progetto di investimento proposto ed alla attestazione indicante in quale delle tipologie di investimento iniziale previste dal paragrafo 4, punto 34, degli "Orientamenti in materia di aiuti di Stato a finalità regionale 2007-2013" rientra il predetto progetto. Nell’istanza, tra le varie adempienze, è necessaria anche la dichiarazione relativa al possesso del documento unico di regolarità contributiva di cui al comma 553 dell’articolo 1 della legge 23 dicembre 2005, n. 266 e successive modifiche ed integrazioni.

In via telematica e con procedura automatizzata, è rilasciata certificazione della data di avvenuta presentazione della domanda, e sono esaminate le istanze di ammissione al beneficio, dando precedenza, secondo l’ordine cronologico di presentazione, alle domande presentate nell’anno precedente e non accolte per esaurimento dei fondi stanziati.

Articolo pubblicato il 25 novembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Credito d’imposta per nuovi investimenti -
    Contributo a favore di progetti d’investimento iniziale, come definiti dagli “Orientamenti Ue in materia di aiuti di Stato 2007-2013. Da effettuare entro il termine del 31 dicembre 2013 nel territorio della Regione
    (25 novembre 2009)
  • Dall’impresa domanda via web e impegno a investire entro 6 mesi dall’accoglimento -
    Precedenza alle domande presentate nell’anno precedente e non accolte per esaurimento dei fondi stanziati. Sono esaminate le istanze di ammissione al beneficio secondo l’ordine cronologico di invio
    (25 novembre 2009)


comments powered by Disqus