Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Al via campagna #nondisturbarmi contro il telemarketing selvaggio
di Michele Giuliano

Richiesto incontro con il Garante della Privacy sull’urgente riforma del Registro delle opposizioni. Raccolte già 10 mila firme per ottenere un teleselling rispettoso della privacy

Tags: Telemarketing, #nondisturbarmi



ROMA - La campagna #nondisturbarmi contro il telemarketing selvaggio ha raggiunto le 10 mila firme, ma non si ferma: Unione Nazionale Consumatori, Cittadinanzattiva, Movimento Difesa del Cittadino e Udicon, unite contro le chiamate telefoniche indesiderate, chiedono un incontro con il Garante della privacy sull’urgente riforma del Registro delle opposizioni. In Italia su 115 milioni di linee telefoniche, tra fisse e mobili, solo 13 milioni (11,3 per cento) sono negli elenchi e, di queste, appena l’1,3 per cento (poco più di 1 milione e mezzo) sono iscritte al Registro: ciò dimostra, una volta di più, che è necessario estendere l’iscrizione a tutte le linee, anche quelle private, e rendendolo valido anche per le autorizzazioni date in passato.

La campagna, diffusa sui social attraverso l’hashtag #nondisturbarmi e all’indirizzo http://www.consumatori.it/stop-chiamate-indesiderate/, ha raggiunto le 10 mila iscrizioni, ma la corsa per ottenere un teleselling rispettoso della privacy non si ferma: in attesa del disegno di legge per il mercato e la concorrenza, che prevede norme di riforma del Registro delle opposizioni, finora rivelatosi inefficace, le associazioni hanno chiesto un incontro al Garante della privacy Antonello Soro per consegnargli le firme raccolte.

Sono essenzialmente tre le richieste fatte dalle organizzazioni di categoria: l’introduzione di un meccanismo di corresponsabilità tra l’azienda che avvia la campagna e il call-center che fa le telefonate (per evitare rimpalli di responsabilità e di dover perseguire piccoli call-center con sede all’estero), prevedendo anche un attività di monitoraggio e di educazione da parte del gestore; il potenziamento del Registro pubblico delle opposizioni, così da ampliarne le prerogative prevedendo la possibilità di iscrivere anche i numeri di cellulare e soprattutto che una volta iscritto il proprio numero, si possano così “cancellare” tutti i precedenti consensi (in modo tale da consentire al cittadino di riprendere il pieno controllo dei propri dati).
 
Sarebbe inoltre preziosa l’istituzione di un Registro per censire le campagne promozionali (con indicazione dell’operatore che lancia la campagna, il periodo di riferimento e i numeri utilizzati per chiamare i consumatori) così da evitare all’utente di dover fare indagini complicate per scoprire chi lo ha disturbato; incentivare gli operatori a gestire meglio i dati in loro possesso: il sistema attuale è costruito in modo tale da disincentivare le buone pratiche.
 
Oggi, infatti, il pagamento alla Fondazione Ugo Bordoni (che si occupa del Registro) è proporzionale all’attività di scrematura dei numeri: tanto più pulisce le liste, tanto più l’azienda deve pagare la Fondazione. Ma in questo modo si disincentivano le imprese a cancellare i numeri (di fatto questi preferiscono pagare le sanzioni), mentre sarebbe meglio stabilire il pagamento in base al fatturato. Intanto per i consumatori c’è una prima vittoria: il Garante ha imposto un cambio delle regole per evitare che scattino in automatico delle telefonate dai call center che spesso non possono essere gestite e risultano essere quindi mute. Anche questa una vera e propria “molestia” telefonica.

Articolo pubblicato il 21 giugno 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐