Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Calamità: la sicurezza può attendere
di Rosario Battiato

Comuni in enorme ritardo sulla programmazione contro le emergenze, che in questo modo si moltiplicano. In Sicilia solo pochi Enti locali compiono sistematiche attività di prevenzione

Tags: Rischio Idrogeologico, Regione Siciliana, Sicilia



PALERMO – In Sicilia i Comuni sono abbondantemente coinvolti nelle varie emergenze legate al suolo, ma per loro c’è ancora molto lavoro da fare sul fronte della prevenzione, in particolare per quanto riguarda la stesura degli strumenti base per fornire una risposta operativa di fronte a eventi che possono produrre effetti dannosi.
Il Piano comunale di Protezione civile è il primo di questi, uno strumento necessario per sintetizzare le conoscenze territoriali per quanto riguarda la pericolosità dei fenomeni e l’esposizione dei beni, per integrare le informazioni in un quadro complessivo che comprenda previsione, prevenzione e pianificazione.
Complessivamente, sono 178 su 390 i Comuni ad aver redatto il piano, pari al 45,64% del totale regionale. Più di un Ente su due è scoperto. E anche in termini di aggiornamento ci sarebbe da lavorare.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 29 giugno 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus