Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Un coro di no sul rigassificatore
di Riccardo Bedogni

Oggi conferenza regionale dei servizi sull’impianto nel Triangolo della morte, certo il rinvio del parere. Sorbello e Rizza chiedono un nuovo referendum consultivo: “Non siamo convinti”

Tags: Fabio Granata, Triangolo Della Morte, Rigassificatore, Augusta, Melilli, Priolo, Antonello Rizza, Pippo Gianni, Nicola Bono



SIRACUSA - Priolo, Melilli, Augusta. Un triangolo industriale già martoriato da uno dei petrolchimici più grandi d’Europa, che potrebbe avere il suo destino definitivamente segnato con l’autorizzazione alla realizzazione del rigassificatore di Jonio Gas (Gruppo Erg-Shell). A Palermo, oggi, è stata convocata la conferenza dei servizi chiamata a decidere sull’impianto, ma appare certo il suo rinvio.

Decisamente contrario si dichiara  il deputato nazionale Fabio Granata. “È impensabile - sostiene, infatti, Granata - costruire un impianto così rischioso in una zona già totalmente saturata e dichiarata ad alto rischio ambientale”. Dello stesso avviso Domenico Scilipoti, della Commissione parlamentare sull’Ambiente, che è pronto ad un’interrogazione alla Camera dei Deputati per verificare la reale necessità di un rigassificatore, così vicino a siti d’importanza strategica persino per la Nato. Massimo Carrubba, sindaco di Augusta, più che un sì o un no, ritiene, invece, che sia più opportuna una posizione di cautela. "Sono convinto - sostiene, tuttavia, il primo cittadino megarese - che l’impianto nel medio e lungo termine possa innescare un meccanismo virtuoso per il rilancio della zona industriale". Secondo Carrubba, al di là degli studi commissionati, il parere positivo delle Istituzioni, primo tra tutti quello del ministero dell’Ambiente per quanto riguarda la Valutazione d’impatto ambientale, sia un elemento importante per avere fiducia nella costruzione del rigassificatore. “Senza considerare - aggiunge - l’elemento compensazioni per il territorio che non è da sottovalutare”. 

Più attendista la posizione del sindaco di Priolo, Antonello Rizza. “Abbiamo ereditato questa situazione dalla precedente Amministrazione, - sostiene il sindaco priolese - però noi dobbiamo fare i conti con il risultato di un referendum popolare in cui il 53% dei cittadini ha espresso parere negativo verso il rigassificatore. Abbiamo richiesto uno studio - sottolinea Rizza -  ad una società internazionale, la Quest Consulting, che ha ritenuto idoneo il sito. Abbiamo trovato un accordo con la Jonio Gas - aggiunge - per quanto riguarda le compensazioni, tuttavia mi asterrò dall’esprimere un parere e richiederò il rinvio della conferenza  dei servizi, perché - conclude Rizza - ho intenzione di indire un nuovo referendum alla luce di tutti i pareri oggi disponibili”. La sua intenzione in pratica è di seguire la volontà popolare, almeno così dichiara. Ancora più attendista il sindaco di Melilli, Pippo Sorbello. “Ad oggi - afferma l’ex assessore regionale al Territorio e Ambiente - ci sono dei punti poco chiari riguardo alle compensazioni e alla sicurezza. Sentiremo il parere di tutti gli interessati, ma a mio avviso - conclude Sorbello - non ci sono ancora tutti gli elementi per una posizione definitiva”.

Non si può sottacere al responso dei referendum popolari, che hanno manifestato un “no” secco, per il deputato regionale Pippo Gianni. “Non si può annebbiare la popolazione con la questione lavoro - dice Gianni - a scapito della sicurezza e della salute. Vogliono farci credere che la questione della zona industriale si risolva con il rigassificatore, ma in realtà - conclude Gianni - è solo un modo per non affrontarla realmente”. Il presidente della Provincia regionale di Siracusa, Nicola Bono, ha ricevuto il mandato del Consiglio provinciale per dire di sì al rigassificatore, a patto di misure compensative e garanzie in favore della sicurezza. La dura lezione del Petrolchimico e dei suoi guasti che il territorio sarà costretto ad assorbire non ha sortito sperati effetti benefici sulle coscienze.
 


Cgil, Cisl e Uil favorevoli. L’Ugl: meglio farlo off shore
 
SIRACUSA - Fondamentalmente favorevoli alla realizzazione dell’impianto si sono dichiarati i sindacati. Per Cgil, Cisl e Uil, il rigassificatore è il primo punto dell’Accordo di programma sulla chimica del 2005 a cui dare seguito. Contrario, invece, Enzo Toscano dell’Ugl Chimici, che prende in considerazione solo l’eventualità di un impianto off-shore, che tra l’altro creerebbe più posti di lavoro. Decisamente contrari i Comitati civici “No al rigassificatore”.
“La stessa delibera n. 111 del Comitato tecnico regionale datata ottobre 2008 - dice Enzo Radino del Comitato di Priolo - individua l’effetto domino di un eventuale incidente nel rigassificatore”. Un no deciso anche quello di Pippo Annino, coordinatore del Comitato melillese, che ritiene di non costruire null’altro senza prima avviare le bonifiche dell’area. “I nostri giovani - dice Annino - sono contaminati dai metalli pesanti, lo abbiamo verificato con degli esami in un gruppo di ragazzi dei tre Comuni interessati”.

Articolo pubblicato il 26 novembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Studio fantasma pro rigassificatore -
    Ambiente. Giallo nella vicenda dell’ impianto pericoloso.
    La dichiarazione. Una settimana fa l’assessore regionale alla Cooperazione Bufardeci ha annunciato l’esistenza di un rapporto tecnico che avalla la realizzazione del rigassificatore di Priolo-Melilli in quanto sicuro.
    La scoperta. Nessuno dei massimi rappresentanti istituzionali della Regione conferma al Qds l’esistenza di questa relazione. Lombardo: “Non so nulla. E se c’è non l’ho letta”. A nome di chi parla Bufardeci?
    (22 dicembre 2009)
  • L’area. Alto il rischio sismico L’ultima scossa pochi giorni fa - (22 dicembre 2009)
  • “Adesso la questione è puramente tattica” -
    L’ex assessore regionale all’Industria è tra i contrari all’impianto. Gianni: grave il “no comment” dell’assessore Milone
    (22 dicembre 2009)
  • A Priolo di nuovo fermento. Fronte del “No” a convegno -
    Promessi 1.000 posti di lavoro. “Saranno una settantina, al massimo”. Sviluppo del territorio, i cittadini vogliono essere considerati
    (22 dicembre 2009)
  • Ambiente, 31 bombe innescate -
    Ambiente. Statistiche ambientali e i rischi nell’Isola.
    L’Istat certifica in Sicilia. Gli stabilimenti industriali a rischio di incidente rilevante per regione, negli ultimi 4 anni, sono passati dal 6,4% al 7,2%, registrando di fatto il quarto peggior risultato in Italia.
    Le aree a rischio. Sono 16 i comuni inseriti nella fascia di alta pericolosità e  31 gli stabilimenti interessati al rischio. Preoccupa la situazione nel Triangolo della morte ( Priolo - Melilli- Augusta).
    (11 dicembre 2009)
  • Il confronto. Isola lontana dagli standard delle altre Regioni - (11 dicembre 2009)
  • Se il ministro vuole bonificare per fare spazio all’industria -
    Contrastanti dichiarazioni di Prestigiacomo:così le aree inquinate restano tali. “Ripulire siti abbandonati per evitare di sporcare aree pulite”
    (11 dicembre 2009)
  • Inizio delle bonifiche, l’attesa lunga 10 anni -
    In Sicilia ripulite appena due zone. Poi più nulla. Gli abitanti dei 4 SIN illusi sul ripristino delle aree inquinate
    (11 dicembre 2009)
  • Mpa e Udc contro Prestigiacomo sul rigassificatore di Priolo-Melilli -
    Bipartisan il fronte del no: “Zona ad alto rischio ambientale, in Sicilia già arriva gas per 31 mld di m/c”. Gennuso: “Il ministro vive sulla luna, impianto strategico solo per chi lo realizza”
    (04 dicembre 2009)
  • Rigassificatore, il parere negativo spacca il fronte del sì all’impianto -
    I sindacati rimangono insensibili di fronte al tragico scenario e parlano di “possibilità occupazionali”. Incredibile sortita del sindaco di Priolo (prima favorevole): “Una relazione politica”
    (03 dicembre 2009)
  • Rigassificatore bocciato. Trasformare le raffinerie -
    Tragico rapporto sul Triangolo della morte
    (02 dicembre 2009)
  • Il parere negativo dei dirigenti Ambiente al rigassificatore Erg-Shell di Priolo-Melilli -
    Pubblichiamo il testo integrale del documento a firma dei dg dell’assessorato, Rossana Interlandi e Antonino Cuspilici. “Troppi rischi: sismico, maremoto, industriale, bellico, attentati, traffico navale e linea ferrata interna”
    (02 dicembre 2009)
  • Il Rigassificatore non si farà -
    In un documento firmato da due direttori generali della Regione i 7 punti del no al progetto. “L’impianto altererebbe le acque, in quell’area troppi rischi legati alla sicurezza”
    (28 novembre 2009)
  • Rigassificatore di Priolo verso il rigetto -
    Rinviata, come scontato, la conferenza di servizi che deve respingere il progetto. Fuori, la protesta dei cittadini. L’assessore all’Industria Venturi: “Problemi di sicurezza e ambientali”. Che sono irrisolvibili
    (27 novembre 2009)
  • Un coro di no sul rigassificatore -
    Oggi conferenza regionale dei servizi sull’impianto nel Triangolo della morte, certo il rinvio del parere. Sorbello e Rizza chiedono un nuovo referendum consultivo: “Non siamo convinti”
    (26 novembre 2009)
  • Priolo, vogliono gasare i residenti -
    Ambiente. L’inquinamento nel Triangolo della morte.
    La decisione. Domani, a Palermo, si terrà la conferenza di servizio per l’autorizzazione al rigassificatore di Priolo-Melilli, convocata dalla Regione siciliana: attesa la decisione.
    Il progetto. Si tratta di un impianto di Erg-Shell, che sarà capace di stoccare 12 miliardi di metri cubi di gas naturale all’anno e che, contrariamente a quanto annunciato, aumenterà le emissioni.
    (25 novembre 2009)
  • “Le emissioni diminuiscono”. Industrie e la buona novella -
    Analisi sui dati del settore tutela ambientale della Provincia di Siracusa. In 10 mesi i valori di idrocarburi superati 127 volte
    (25 novembre 2009)
  • Priolo, il rigassificatore che disprezza i morti -
    Basta degrado nel Triangolo della morte
    (20 novembre 2009)
  • Lombardo, no allo scempio di Priolo -
    Ambiente. Rischi per gli abitanti in un’area già compromessa.
    Triangolo della morte. L’area industriale Priolo-Augusta-Melilli è tristemente nota per le numerose tipologie tumorali contratte dalle popolazioni locali, confermate da un recente studio redatto dall’Oms.
    Surplus d’energia. L’Isola da anni produce più energia di quanta ne ha bisogno. Secondo gli ultimi dati forniti dal gestore Terna, la Sicilia ne produce in eccesso il 6,5% destinato a fornire il Paese.
    (20 novembre 2009)
  • Ionio gas rassicura: “Impianto sicuro e pulito” -
    Confronto fra la popolazione locale e l’azienda sull’ubicazione dell’indotto. I cittadini contrari già nel referendum del 2007
    (20 novembre 2009)
  • Effetto domino, la paura degli abitanti già scottati -
    La “polveriera” dell’area industriale: a pochi passi la Raffineria Isab. In 60 anni un solo incidente, ma a Priolo è un’altra storia
    (20 novembre 2009)
  • Inquinamento e malformazioni. Ricerca scientifica nel Triangolo -
    Iniziativa promossa dalla Fondazione Frisone, l’Università di Catania, il Cnr e il Comune di Melilli. In particolare lo studio centra gli effetti al genoma e la riproduttività maschile
    (19 novembre 2009)
  • Triangolo della morte basta inquinamento -
    Regione e Asp intervengano subito
    (14 novembre 2009)
  • Nel Triangolo si continua a morire -
    Ambiente. Triangolo della morte le conferme e la difesa.
    La ricerca. L’Organizzazione mondiale della sanità nei giorni scorsi ha confermato: tra Augusta e Siracusa i decessi per tumori sono in numero superiore rispetto al resto della Sicilia, persino delle zone confinanti.
    La risposta. Il Consorzio industriale protezione ambientale dichiara che da anni le aziende emettono meno sostanze, in linea con i dettami di legge. Ma la gente paga oggi l’inquinamento subìto per decenni
    (14 novembre 2009)
  • Produzione biodiesel per la Regione è tabù -
    Il caso: un’azienda vuole investire 30 mln, ferma da 6 mesi per un cavillo. Il dg agricoltura, Gioia: “Un piano è ancora prematuro”
    (14 novembre 2009)
  • Trachea, bronchi e polmoni. L’Oms e la lista dell’orrore -
    Il dettaglio dei risultati sulla mortalità nell’area industriale siracusana. La conferma: troppi tumori, soprattutto nelle vie respiratorie
    (14 novembre 2009)
  • Triangolo della morte, è conferma “Qui si muore di più per tumore” -
    L’Organizzazione mondiale della sanità ha presentato l’ultimo studio epidemiologico: dati preoccupanti. Tra i residenti di Augusta e Priolo in aumento le patologie alle vie respiratorie
    (10 novembre 2009)
  • Da polo chimico ad energetico. Il futuro del triangolo industriale -
    Ad Augusta un’assise di Italia dei Valori e le associazioni ambientaliste. Tutti contrari al rigassificatore. Nella zona due centrali elettriche e uno di cogenerazione. Attesa per il biodiesel
    (07 novembre 2009)
  • G8 nel triangolo mortale dell’inquinamento -
    I ministri dell’Ambiente per bonificare Priolo
    (22 aprile 2009)


comments powered by Disqus