Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Promozione del territorio etneo. Tutte le strategie messe in atto
di Melania Tanteri

Si punta a valorizzare la Ferrovia circumetnea tramite le “Vie del vino” e la “Via dei castelli”. Inaugurato lo Spazio espositivo rotabili storici nella rimessa della stazione di Bronte

Tags: Turismo, Catania, Circumetnea



BRONTE (CT) - La storia di una delle aziende più rappresentative del territorio che diventa storia di una comunità. Centoventi anni di mobilità e ingegneria, che hanno segnato la vita di molti cittadini. È stato inaugurato, lunedì scorso, dalla Ferrovia circumetnea, lo “Spazio espositivo rotabili storici”, luogo ricavato in quella che era la vecchia rimessa della stazione locale di Bronte, in cui i mezzi storici avevano già trovato ricovero, ma che da lunedì, dopo i lavori di adeguamento, ha aperto ufficialmente i battenti al pubblico fatto di appassionati e turisti. Uno spazio recuperato dopo importanti lavori di restauro, realizzati recuperando e riciclando materiali ferroviari. È così possibile vedere la Locomotiva a vapore Fce n. 10 denominata “Mascali”, risalente al 1894, ma anche il Carro chiuso serie “HB” adibito principalmente al trasporto di animali, fino alle storiche motrici risalenti agli anni Trenta del secolo scorso, le famose “Littorine”, alcune delle quali ancora viaggianti.

Un altro passo verso quella promozione del territorio sulla quale il direttore generale della Fce, Alessadro Di Graziano, ha puntato subito, appoggiato anche dall’assessorato regionale al Turismo, retto dal pedarese Anthony Barbagallo che, con le “Vie del vino” e con “La via dei castelli” ha puntato molto sulla ferrovia circumetnea come volano per l’economia. “La nostra idea – ha spiegato l’assessore – è quella di arricchire sempre più l’offerta turistica della Regione siciliana e in particolare di arricchire quella intorno al vulcano Etna che è uno dei principali attrattori naturalistici al mondo. Di fronte alla crescita del turismo e degli attori sociali che investono nel settore – ha proseguito - il compito delle istituzioni, come sta facendo benissimo la Fce è quella di accompagnare questo percorso e sviluppo”.

“Una gran bella giornata” ha commentato Virginio Di Giambattista, gestore governativo della Fce, direttore generale del dipartimento del Trasporto pubblico locale del ministero delle Infrastrutture e trasporti. “Questo nuovo spazio espositivo – ha aggiunto - dovrà essere un altro tassello nel piano di sviluppo della mobilità turistica a livello regionale”.

Incerta ancora la gestione del nuovo spazio che, molto probabilmente, sarà affidata a una delle realtà brontesi che lavorano per migliorare l’offerta del comprensorio.

A sottolineare il rapporto sinergico  tra Comune, Regione e Circumetnea, il sindaco di Bronte, Graziano Calanna che ha evidenziato le potenzialità turistiche del territorio e, in modo particolare, quelle offerte dalla Fce.

Articolo pubblicato il 07 luglio 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐