Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Per i giovani ricercatori siciliani prospettive di carriera dall’Ue
di Antonio La Ferrara

Sostegno per assunzioni e costi per l’organizzazione di seminari dal Programma “Persone” 2010. Nei primi cinque anni di attività sia nel settore pubblico che nel privato

Tags: Ricerca, Unione Europea



PALERMO - Una rilevante occasione si profila per i ricercatori siciliani, e cioè la possibilità di migliorare le prospettive di carriera dei giovani ricercatori sia nel settore pubblico sia nel settore privato promuovendo la creazione di reti transnazionali. Infatti il bando pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea serie C213/15 dell’8 ottobre 2009 si prefigge l’obiettivo di  raggiungere l’occupazione dei ricercatori reclutati in progetti di ricerca, attraverso l’esposizione al settore accademico e delle imprese, estendendo così l’impostazione tradizionale della ricerca accademica, l’eliminazione delle barriere culturali e della mobilità di formazione.

Il bando è espressione del 7° programma quadro di RST – Bando FP7 – People – 2010- ITN che ha previsto, per l’appunto, un invito a presentare proposte nell’ambito del programma di lavoro “Persone” 2010 del 7° programma quadro di azioni comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione.

L’obiettivo di questa azione è quello di migliorare le prospettive di carriera dei giovani ricercatori (ricercatori che siano nei primi 5 anni della loro carriera), sia nel settore pubblico che nel settore privato, promuovendo la creazione di reti transnazionali volte a strutturare le capacità di formazione iniziale di elevata qualità esistenti negli Stati membri dell’Ue e nei Paesi associati.
L’azione si rivolge a reti congiunte di formazione per la ricerca composte da uno o più partner (Università, centri di ricerca, imprese, organizzazioni non-profit). Le Itn (reti per la formazione iniziale) multi-partner devono essere composte da almeno 3 partner provenienti da 3 diversi stati Ue o Paesi associati; le Itn mono-partner devono invece, essere costituite da un unico organismo di uno Stato Ue o Paese associato e da un network di partner associati.

I finanziamenti forniscono sostegno:
• all’assunzione di ricercatori, che siano nei primi 5 anni della loro carriera, per una formazione iniziale,
• all’assunzione di “senior visiting researches” specializzati in formazione internazionale ed in ricerca collaborativi affinché possano contribuire allo scambio di conoscenze,
• ai costi della rete e all’organizzazione di seminari, conferenze, workshop destinati a ricercatori degli organismi partecipanti e ai ricercatori esterni.

Sebbene le Itn servano essenzialmente all’assunzione di ricercatori degli stati membri dell’Ue e dei Paesi associati, esse sono aperte anche a ricercatori provenienti da Paesi terzi.
Le proposte devono essere presentate per via elettronica, utilizzando il servizio elettronico di presentazione delle proposte (EPSS). Lo stanziamento globale messo a disposizione per questo bando è di euro 243.790.000.
La scadenza per la presentazione delle proposte è il 22 dicembre 2009.
Per apprendere maggiori informazioni è utile visitare il sito internet http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.PeopleDetailsCallPage&call_id=247.
 


Seminari per chi vuole intraprendere la carriera diplomatica
 
L’Associazione europea di studi internazionali) con la partecipazione dell’Ufficio per l’Italia del Parlamento europeo, la Rappresentanza in Italia della Commissione europea, l’Istituto Diplomatico del Ministero degli affari esteri, il Centro Alti studi per la Difesa e il Circolo studi diplomatici propone un ciclo di seminari di studi europei preparatori alle carriere internazionali e comunitarie: “Riconoscersi europei perché consapevoli della comune identità e responsabilità politica”. I seminari sono rivolti ai giovani che vogliono intraprendere la carriera diplomatica, lavorare nelle istituzioni europee o nelle organizzazioni internazionali. La scadenza prevista per la presentazione delle domande è il 4 gennaio 2010. I destinatari dei seminari sono 100 giovani che dovranno frequentare le lezioni tenute tramite un incontro mensile a partire dal gennaio al luglio 2010 in diverse sedi a Roma, in Italia. I costi di partecipazione sono irrisori; infatti, una volta ammessi, è previsto un costo di iscrizione pari a 50 euro per le spese di segreteria.
Per sostenere il colloquio è necessario inviare la domanda con allegato il Curriculum Vitae e foto alla Segreteria Organizzativa Aesi all’indirizzo segreteria_aesi@yahoo.it.

Articolo pubblicato il 27 novembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus