Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Il ricco personale dei poveri Comuni siciliani
di Rosario Battiato

Istat: i dipendenti degli Enti locali isolani assorbono il 35% delle spese correnti. Dieci punti oltre la media nazionale. L’analisi dei Consuntivi 2014 (gli ultimi disponibili) conferma un trend disastroso

Tags: Istat, Dipendenti, Enti Locali, Sicilia



PALERMO - Proprio non c’è pace per i sindaci siciliani, che cercano disperatamente di tenere in piedi i conti dei Comuni che amministrano fra tante difficoltà. Le responsabilità, è giusto dirlo, non sono tutte attribuibili a loro, ma occorre comunque rimboccarsi le maniche, perché la strada per l’efficienza, quella che separa gli Enti locali siciliani da quelli di altre regioni d’Italia, è ancora molto lunga.
Lo dimostra il recente rapporto dell’Istat che ha passato ai raggi X i rendiconti consuntivi di tutti i Comuni d’Italia, certificando ancora una volta come la Sicilia abbia tanto terreno da recuperare. Il dato più significativo è dato dall’incidenza delle spese per il personale su quella corrente, percentuale che in Sicilia è tra le più alte del Paese, ben dieci punti oltre la media nazionale. Di lavoro da fare, insomma, ce n’è ancora molto.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 04 agosto 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐