Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Virginia Raggi: rischio sanitario è dietro l'angolo
di Redazione

A Roma Assemblea straordinaria sui rifiuti. La sindaca: “Crisi sistemica”

Tags: Virginia Raggi, M5s, Roma, Rifiuti, Ama



ROMA - “Oggi in primo luogo occorre affrontare la crisi dei prossimi sei mesi in cui ci hanno trascinato. Noi siamo chiamati a fronteggiare uno stato di crisi sistemica con scarse risorse e tempi estremamente ridotti, dovendo sempre lavorare con il rischio sanitario dietro l’angolo”. Queste le dichiarazioni rilasciate dalla sindaca di Roma Virginia Raggi in Assemblea straordinaria sui rifiuti.

“A Roma - ha continuato la sindaca pentastellata a proposito della discarica di Malagrotta- c’era già la discarica dagli anni’60 e di deroga in deroga sopravviveva fino al 2013, con buona pace dell’intero arco costituzionale presente al Comune di Roma, ed una bonifica ancora tutta da compiere e da questa  amministrazione già programmata. “Stiamo iniziando a vagliare anche insieme alla regione la capienza di tutti gli impianti del Lazio per capire chi possa accogliere in maniera temporanea il surplus dei rifiuti di Roma Capitale per riuscire a svuotare gli impianti e per effettuare la manutenzione e rimetterli in funzione a pieno regime”.

Questo è “il modello di trattamento per rifiuti indifferenziati e chiaramente dovremo continuare ad avvalerci dei due tmb fin tanto che la raccolta differenziata e gli impianti di recupero non saranno a pieno regime, finché gli impianti alternativi non saranno pronti, perché nessuno ha pensato di costruire questi impianti alternativi. Vantarsi di aver chiuso Malagrotta senza pensare a percorsi alternativi è sciocco e oggi ci chiedete entro quanto tempo e che percentuali saremo in grado di differenziare? A dicembre presenteremo piano e non appena l’audit avrà fornito un dato sulla differenziata, vi sapremo dire la percentuale”.

A proposito dell’anagrafe pubblica dei rifiuti, le dichiarazioni di Raggi hanno ricevuto il plauso di Riccardo Magi, segretario di Radicali Italiani, il quale ha espresso il suo apprezzamento per l’impegno della sindaca grillina a favore di “una battaglia che come Radicali abbiamo condotto in consiglio comunale nel 2014 per conquistare l’anagrafe pubblica dei rifiuti, ricorrendo anche al digiuno per vincere le resistenze strumentali di maggioranza e opposizione verso un provvedimento che a parole trovava d’accordo tutti, è emblematica di un sistema di governo che per decenni ha messo le ragioni di partito davanti a quelle della città e dei romani”.
Molto duro, invece, l’attacco della capogruppo Pd in Aula capitolina Michela Di Biase: “Abbiamo il 20 settembre la visita dell’Europa he si aspetta che il comune individui un nuovo sito per una discarica. Noi che cosa diremo all’Europa? Dove andranno i rifiuti di Roma? Li mangiate? Finiranno in una nuova discarica, in un Tmb o in un inceneritore? Se, sindaco, ci fate capire, senza proclami, che cosa volete fare e che vuole fare lei, sindaca, oltre a fare la maestrina in Aula?”

E ancora: “E' illogico che si dia tutta le colpe al passato e che poi si scelga un assessore che di quei percorsi è stata partecipe - ha continuato De Biase .

Articolo pubblicato il 11 agosto 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus