Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ryanair, per il 2017 oltre 2.000 posti di lavoro negli aeroporti italiani
di Redazione

Ad Michael O’Leary: “Siamo grati al presidente Renzi e a Delrio per l’adozione di misure finalizzate alla crescita del turismo nazionale”. In programma l’apertura di altre 44 rotte che coinvolgeranno anche la Sicilia con Palermo-Bucarest e Trapani-Praga

Tags: Ryanair, Lavoro



MILA NO - Ryanair, la compagnia numero uno in Italia, ha accolto con grande favore le iniziative prese dal Governo del presidente Matteo Renzi di annullare l’incremento di 2,50 euro della tassa municipale dal 1º Settembre 2016, e la modifica delle linee guida aeroportuali del ministro Graziano Delrio, che permetteranno agli aeroporti regionali italiani di competere in condizioni di parità con gli aeroporti di Roma e Milano, purché siano conformi alle norme Meip dell’Ue.
 
In risposta a queste iniziative, l’azienda ha annunciato accelererà i piani di sviluppo per il mercato italiano nel 2017, che vedrà investimenti e crescita record di Ryanair per il turismo italiano come segue: 10 nuovi aeromobili (un investimento di oltre 1 miliardo) allocati al mercato italiano, 44 nuove rotte che coinvolgerà anche la Sicilia con Trapani e Palermo, 21 presso gli aeroporti di Roma e Milano e 23 presso gli aeroporti regionali italiani, 3 milioni di nuovi passeggeri p.a. saranno trasportati (10% crescita nel 2017), oltre 35 milioni di clienti voleranno da/per gli aeroporti italiani con Ryanair nel 2017, 2.250 posti di lavoro verranno creati da Ryanair presso gli aeroporti italiani nel 2017.

“Siamo estremamente grati al presidente del consiglio Renzi e al ministro dei Trasporti Delrio per l’adozione di queste misure atte a favorire la crescita del turismo italiano - ha dichiarato Michael O’Leary, attuale amministratore delegato della compagnia area - Crescita he sarebbe stata persa, in favore di altri paesi dell’Ue, se l’aumento della tassa comunale non fosse stato annullato, e le linee guida aeroportuali non fossero state riformulate per conformarsi alle norme comunitarie. Il ministro Delrio ha sfidato le compagnie aeree a rispondere con piani di crescita, se il suo governo avesse agito per migliorare la competitività degli aeroporti italiani, e Ryanair è lieta di essere la prima compagnia aerea ad annunciare questo investimento record di 1 miliardo in nuovi aeromobili, nuove rotte, nuovo traffico e crescita di posti di lavoro in Italia nel 2017. Annulleremo anche la decisione di chiudere la base di Pescara, precedentemente annunciata, per l’inverno 2016 (W16) i cui voli saranno in vendita questa settimana sul sito. Con l’apertura di oltre 40 nuove rotte e investendo più di 1 miliardo in nuovi aeromobili e nuovi posti di lavoro in Italia nel 2017 Ryanair si aspetta di conseguire una crescita record di traffico, fino a 32 milioni nel 2016, e oltre 35 milioni nel 2017. Questi nuovi 3 milioni di clienti potranno godere delle basse tariffe Ryanair e del nostro programma di miglioramento dell’esperienza clienti “Always Getting Better” mentre porteremo in Italia milioni di nuovi visitatori per le vacanze estive al sole, i soggiorni in città e le vacanze invernali in montagna.”

“Il Governo italiano continua nel percorso di allineamento con le norme europee, per aumentare i sevizi ai cittadini e creare opportunità per tutti gli investitori. Salutiamo positivamente il piano industriale 2017 di Ryanair, che permette più voli, più opportunità al turismo in Italia e soprattutto più occupazione”, ha dichirato il ministro Delrio. Infine, parole postive anche per il presidente dell’Enac Vito Riggio: “Lo sviluppo del trasporto aereo costituisce un obiettivo primario per coadiuvare la crescita economica dell’intero sistema Paese. Viviamo in un’epoca in cui il riferimento non è più quello nazionale ma, soprattutto per il trasporto aereo e per le regole che lo governano, è quello dell’Europa, sempre nel rispetto dell’equa competitività e dei diritti dei passeggeri.I piani di sviluppo, come quello di Ryanair e degli altri vettori operanti in Italia sono per Enac occasione di crescita e di ulteriore impegno per la sicurezza e la qualità”.

Articolo pubblicato il 18 agosto 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐