Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Quanto ci costano i deputati in trasferta
di Raffaella Pessina

Trasparenza “a metà”: dati disponibili dall’1 novembre 2014. Il Presidente Ardizzone in testa con 28 viaggi (28mila euro)

Tags: Ars, Trasparenza



PALERMO - La legge sulla trasparenza obbliga le amministrazioni a rendere visibile a tutti i cittadini come vengono spesi i soldi pubblici. E così veniamo a conoscenza di quanto ci costano i parlamentari regionali quando vanno in missione per conto della Regione. Ma siccome la trasparenza è entrata in vigore solo dal primo novembre 2014, i dati che vi esporremo saranno monchi del periodo che va dalla seconda metà del 2012, anno in cui è cominciata la sedicesima legislatura all’Ars, all’ottobre del 2014.
 
Le cifre dei rimborsi dei parlamentari pubblicati on line cominciano proprio da quel giorno: nessuna traccia del passato. Leggendo i dati pubblicati sul sito ufficiale dell’Ars, si può notare che sono andati in missione 36 deputati su 90. Il viaggiatore per eccellenza è il Presidente Giovanni Ardizzone, con 28 trasferte per un totale di poco più di 28 mila euro. In 19 mesi ha effettuato molte missioni a Roma (per esempio per andare a eleggere il Presidente della Repubblica e partecipare al giuramento), ma anche in Spagna, a Santiago di Campostela, per partecipare alla conferenza dei presidenti delle assemblee regionali (con un rimborso spese pari a 2.743 euro).

Ardizzone è stato anche in Qatar come componente della spedizione siciliana inviata al Brand Italy, la prima esposizione del made in Italy nel paese arabo, costata alle casse della Regione quasi settecentomila euro. In quella occasione, c’era anche Bruno Marziano del Pd e se Ardizzone è costato 3.233 euro, Marziano si è fermato due giorni in più raggiungendo la cifra di 5.038 euro.

Due viaggi a Bruxelles per Francesco Cascio sono costati alle casse 4.344 euro, per la partecipazione alle sessioni di aggiornamento delle politiche europee organizzate dal Dipartimento Affari extraregionali e dall’Ufficio di Bruxelles della Regione Sicilia nel 2014 e al “XIII European Week of Regions and Cities - Open Days 2015” nel 2015.

Da specificare che le missioni sono costituite da due voci: il rimborso spese e la diaria. Michele Cimino ha speso 5.692 euro per un seminario sulla Pubblica amministrazione presso la “Pontificia Universitas Lateranensis”, per aggiornamenti delle politiche europee a Bruxelles, per un incontro congiunto tra la XIV Commissione del Senato e la Conferenza dei Presidenti delle Assemblee regionali e anche lui per partecipare all’Open days 2015, nonché nel 2016 per partecipare ad un seminario sul “Il futuro delle Regioni a Statuto speciale alla luce della riforma” a Roma. 7.413 euro invece sono stati utilizzati per le trasferte di Totò Cordaro, Grande Pid, per aggiornamenti a Bruxelles, per la partecipazione in qualità di consigliere delegato all’udienza dinnanzi alla Corte costituzionale relativa all’ammissibilità del referendum abrogativo delle norme sulla riduzione degli uffici giudiziari ordinari, per convegni e seminari vari.
Questi gli altri numeri rilevanti: Antonello Cracolici del Pd: 2.948, Marco Falcone di Forza Italia: 1.553, Salvatore Giuffrida 2.397 euro, Giuseppe Lupo del Pd 2.181 euro, Bruno Marziano 7.238, G. Miccichè 1.202, Nello Musumeci 2.389, Salvatore Oddo 2.219, Antonio Venturino 1.120 e Vincenzo Vinciullo Ncd 3.633 euro. In fondo all’elenco ne risulta uno ulteriore titolato: elenco trasferte deputati titolari di cariche (Dpa. n. 302/2014, art. 4).
 
Trasferte al di fuori del territorio della Regione siciliana riconducibili all’esercizio della carica, diverse dalle missioni autorizzate dal presidente dell’Assemblea ai sensi del Dpa n. 183/2014, le cui spese sono rimborsate utilizzando le dotazioni di cui all’art. 1 del Dpa n. 302/2014 a disposizione dei deputati titolari di cariche a titolo di rimborso spese di rappresentanza a fini istituzionali, connesse all’esercizio della propria carica. In questo caso, le cifre snocciolate per i vari deputati che ne hanno fatto uso non sono accompagnate dalla motivazione ma solo dalla data e dalla destinazione.

Articolo pubblicato il 24 agosto 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐