Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Messina - Un corso per formare sulla tutela dei minori
di Redazione

L’iniziativa è stata organizzata da Comune di Messina, Ordine degli avvocati, Università e sezione locale dell’Aiaf Sicilia. L’obiettivo è creare un elenco di professionisti in possesso delle necessarie competenze tecniche

Tags: Messina, Minori



MESSINA - Il Comune, l’Ordine degli avvocati, l’Università e l’Aiaf Sicilia sezione messinese hanno promosso e organizzato un percorso di orientamento e formazione per tutori e curatori legali di minori di età e amministratori di sostegno.

L’iniziativa, proposta dall’ex Garante per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, Maria Baronello, è stata condivisa dall’assessore alle Politiche sociali, Nina Santisi, dal presidente dell’Ordine degli avvocati, Vincenzo Ciraolo, da Cinzia Fresina, dell’Associazione italiana degli avvocati per la famiglia e i minori, e dal rettore dell’Università degli Studi di Messina, Pietro Navarra, per il supporto tecnico scientifico attraverso il coinvolgimento di alcuni Dipartimenti dell’Ateneo.

Il corso, che si articola in otto moduli per un complessivo di 24 ore, sarà avviato sabato 24 settembre, nel dipartimento Cultura e Servizi del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Messina, in via Giacomo Venezian 43, e gli interessati dovranno far pervenire le domande di adesione presso la segreteria dell’Ordine degli avvocati di Messina, entro giovedì 15 settembre.

L’iniziativa è finalizzata alla creazione di un elenco di avvocati volontari, in possesso delle necessarie competenze tecniche, motivati e predisposti a svolgere il ruolo di  tutela  di minori privi di genitori o quando i genitori non possano esercitare la responsabilità per decisione dell’Autorità giudiziaria perché lontani o assenti, come nel caso dei minori stranieri non accompagnati. L’obiettivo è formare figure di amministratori di sostegno per la cura e l’assistenza di persone che anche momentaneamente non possono provvedere alle proprie necessità sia personali che patrimoniali. L’esigenza crescente di avere un elenco di persone con un’adeguata formazione nel campo della tutela alla persona, in particolare minore d’età, nasce da una carenza ormai cronica di soggetti a cui il Giudice tutelare o il Tribunale dei minori si possa rivolgere a fronte dei numerosi casi che si presentano ogni giorno. L’esercizio della tutela  è, quindi, finalizzato a interventi mirati alla cura della persona sotto l’aspetto psico-fisico, socio-assistenziale, scolastico ed educativo nonché all’amministrazione dei suoi beni. Quando nell’ambito parentale non vi sono figure idonee a svolgere i compiti previsti ci si rivolge con decreto emesso dalle Autorità giudiziarie minorili e/o ordinarie, al sindaco o all’assessore pro-tempore o a coloro individuati in forma volontaria e disponibili ad assumere tale funzione.

L’organizzazione e la programmazione del corso seguono ripetuti incontri e confronti avviati già nello scorso mese di aprile, cui hanno partecipato, tra gli altri, oltre a Maria Baronello, Vincenzo Ciraolo, Cinzia Fresina e Cettina Miasi, anche il dirigente del dipartimento comunale ai Servizi Sociali, Domenico Zaccone, e le assistenti sociali Sara Tornesi e Giuditta Celona.

Articolo pubblicato il 08 settembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus