Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Scuola, prima campanella di paura
di Eleonora Fichera

Ance: 4.894 istituti siciliani in zone ad elevato rischio sismico ma solo un quarto è costruito con criteri antisismici. Al via il 14. Per la manutenzione spesi in media 3.658 € contro i 127.200 del Trentino

Tags: Scuola, Sicurezza, Terremoto, Rischio Sismico



Un cumolo di macerie è quello che rimane della scuola “Romolo Capranica” di Amatrice, simbolo dello sciame sismico che ha colpito il Centro Italia lo scorso 24 agosto. L'istituto, recentemente ristrutturato e quindi considerato “sicuro” fino a qualche giorno fa, non è l'unica scuola ad aver subito danni: 10 hanno riportato crolli o lesioni, 5 hanno subito danni classificati come “irreversibili”. L'orario in cui si è verificata la scossa più violenta (3.36 del mattino) ha scongiurato conseguenze ben più gravi. Come di consueto, è subito partito lo scaricabarile di colpe e responsabilità. La Procura di Rieti ha aperto un'inchiesta nel tentativo di fare chiarezza.
Per il momento, di certo, resta soltanto la rovinosa condizione in cui versano gli istituti scolastici della Penisola. “In Italia - ha dichiarato il consigliere nazionale dei Geologi, Domenico Angelone - le scuole in zone a rischio sismico sono almeno 24.000”.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 09 settembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐