Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Comuni siciliani vicini alla paralisi
di Adriano Agatino Zuccaro

Diminuzione dei trasferimenti erariali non compensata da un’efficiente riscossione dei tributi e dal taglio degli sprechi. Evasione, morosità, spesa corrente fuori controllo e investimenti bloccati

Tags: Enti Locali, Evasione, Tasse



PALERMO – I Comuni siciliani sono malati, ma chi li ha amministrati negli ultimi anni non è ancora riuscito a trovare una cura efficace, capace di bloccare quel “progressivo deterioramento della finanza locale” che rischia di paralizzare definitivamente gli Enti in questione. Un quadro che emerge chiaro all’interno della Relazione sul rendiconto generale della Regione siciliana - esercizio finanziario 2015 - redatta dalla Corte dei Conti, che ha sottolineato come, davanti a criticità ben note, non sia stato adottato “nel tempo adeguato rimedio”. Fra trasferimenti ridotti all’osso, spesa corrente da record, investimenti ridotti al lumicino, evasione, morosità e una spending review inadeguata, il futuro sembra più che mai nebuloso.
Serve un’inversione di marcia per evitare di sprofondare definitivamente nel baratro.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 10 settembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus