Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Sicilia in autunno, attraente per i turisti
di Roberto Pelos

Osservatorio Confturismo-Istituto Piepoli di Confcommercio: la nostra Isola sarà la seconda più visitata d’Italia nei prossimi 3 mesi

Tags: Sicilia, Turismo



ROMA – La Sicilia sarà una delle mete preferite dai nostri connazionali nei prossimi tre mesi. È quanto prevede l’Osservatorio Confturismo-Istituto Piepoli di Confcommercio, secondo il quale, la nostra terra si piazza al secondo posto, nelle preferenze degli italiani, dopo la Toscana; seguono, l’Emilia Romagna, il Trentino Alto Adige e il Lazio.

Confermato ancora una volta, dunque, il grande “appeal” della nostra regione, che, nonostante i grandi problemi da fronteggiare, ha sempre attirato numerosi visitatori grazie alle sue bellezze storiche, artistiche, naturali e alle sue tradizioni. La nostra terra, inoltre, guadagna posizioni rispetto a 12 mesi fa, quando, sempre secondo le previsioni dell’Osservatorio, si trovava al quarto posto, quale meta da visitare negli ultimi tre mesi dell’anno, dopo la Lombardia, il Trentino Alto Adige e l’Emilia-Romagna e prima della Campania.

Buoni auspici dunque per la Sicilia che vede nel turismo un settore trainante per l’occupazione. Facendo un discorso a livello nazionale, secondo l’Osservatorio, il valore dell’indice di propensione al viaggio degli italiani ha fatto registrare, nel mese di agosto, il suo massimo storico pari ad un valore di 69; un aumento consistente rispetto al mese di luglio (+5 punti percentuali). Si registra un incremento del 6% anche rispetto allo stesso mese dello scorso anno, la massima crescita percentuale dal mese di ottobre 2015.
 
Soddisfazione è stata espressa da Luca Patanè, presidente di Confturismo, che, ponendo l’accento sull’importanza che riveste il comparto per la crescita economica del Paese ha sottolineato: “Il raggiungimento del massimo storico dell'indice di propensione del turismo conferma la forte contribuzione del settore all'economia italiana, specialmente in termini di occupazione”. Inoltre, secondo l’Osservatorio Confturismo-Istituto Piepoli è in miglioramento “la percezione dell'andamento economico italiano, dato che il saldo tra ottimisti e pessimisti è migliorato di 7 punti nell'ultimo mese”.

All’interno dell’analisi si mette in evidenza l’impulso del comparto turistico per lo sviluppo dell’economia e la crescita del Prodotto interno lordo che si stima a fine anno possa chiudersi con un aumento di circa un punto percentuale. Buone notizie anche dalla Commissione Europea. Infatti, l'indagine effettuata mensilmente dal “braccio esecutivo” dell’Ue, per l'Italia vede un "economic sentiment" positivo di 3,1 punti percentuali nel mese di agosto. Tale risultato è trainato dal settore dei servizi (dove è ricompreso il turismo).

Il Belpaese, nel trimestre che ci aspetta, verrà visitato dall’80% dei turisti nostri connazionali, mentre il 20% andrà all’estero. In Italia, in futuro, viaggeranno soprattutto i turisti di età compresa tra i 18 e i 34 anni, (78 punti), seguiti dai turisti di età compresa tra i 35 e i 54 anni (71), e dai turisti che hanno tra i 55 e i 74 anni (58). A spostarsi saranno soprattutto gli abitanti del Nord-Ovest, con 74 punti, seguiti da coloro che vivono al Centro con 72 punti e dagli abitanti del Nord-Est con 71 punti; Al Sud e nelle isole dove ci si ferma a 61 punti. E’ previsto che viaggeranno in maggioranza coloro che vivono nei centri con più di 100 mila abitanti (74 punti), segue chi vive nei centri con popolazione tra i 10 e i 100 mila abitanti (68) e chi vive nei centri dove la popolazione arriva fino a 10 mila abitanti dove il punteggio si ferma a 64; viaggeranno in prevalenza uomini (70 punti, tre in più rispetto alle donne).

Articolo pubblicato il 14 settembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐