Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Trapianti, 111 da inizio anno. Crescono le donazioni in Sicilia
di Redazione

L’Arnas civico di Palermo tra i primi dieci centri italiani per volumi di attività. Bruna Piazza, direttrice CRT: “Donatori raddoppiati nel secondo quadrimestre”

Tags: Trapianto, Arnas Civico, Palermo, Bruna Piazza



CATANIA - Dal primo gennaio al 9 settembre in Sicilia sono stati effettuati 111 trapianti. Crescono anche, nel secondo semestre dell’anno, le donazioni di organi.  In ripresa, dunque, l’attività di donazione e trapianti nella nostra Regione.
I dati del Centro Regionale Trapianti, aggiornati al 9 settembre  2016, mostrano che sono stati eseguiti  54 trapianti di rene, 32 di fegato, 1 di pancreas, 8 di cuore e 16 di polmone.

Nel dettaglio, dei 54 trapianti di rene, 23 sono stati eseguiti all’Arnas Civico, 19 al Policlinico di Catania, e 12 all’Ismett. I trapianti di fegato, cuore, polmoni e pancreas, sono tutti avvenuti all’Ismett, unico centro siciliano autorizzato per questo tipo di attività. La Sicilia si pone, dunque, tra le regioni italiane con un’attività trapiantologica di alto livello. A confermarlo sono anche le prestazioni del Centro Trapianti di rene dell’Arnas Civico, che si colloca ormai tra i primi dieci centri italiani per volumi di attività, avendo alle spalle 23 anni di esperienza e più di seicento trapianti eseguiti.
 
A dimostrazione di ciò nei giorni scorsi l’equipe chirurgica del Centro palermitano ha eseguito un delicato e difficile intervento con cui ha riparato al tavolo operatorio e trapiantato con successo il rene donato da un ventenne di Messina, deceduto per un grave trauma che aveva danneggiato l’organo. Il direttore del CRT, Bruna Piazza, commenta: “L'istituzione del tavolo tecnico da parte dell’assessorato alla Salute, avvenuta lo scorso marzo, ha determinato un'importante svolta nell'attività. Nella fattispecie, i provvedimenti concordati con i direttori generali delle cinque aziende sanitarie siciliane con volumi di attività di procurement di organi e tessuti maggiori hanno condotto a un importante ripresa nel secondo quadrimestre, con un sensibile incremento dei donatori segnalati, pari al 30% rispetto al primo quadrimestre ma ancor più dei donatori procurati che sono quasi raddoppiati nel secondo quadrimestre”.

Articolo pubblicato il 15 settembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐