Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Terremoti, rischi e soluzioni
di Rosario Battiato

Ance-Cresme: Sicilia seconda regione per numero di abitazioni private da ristrutturare, pari a 2,4 milioni. La messa in sicurezza attiverebbe 9 mld e darebbe lavoro a 90 mila persone

Tags: Terremoto, Ristrutturazione, Sicilia



PALERMO – C’è una grande occasione da sfruttare per la Sicilia che potrebbe rappresentare la più grande opera di edilizia privata mai vista nell’Isola. Per mettere in sicurezza l’intero patrimonio privato nelle due fasce di rischio sismico più elevato servirebbero investimenti per poco meno di 9 miliardi di euro, un flusso di denaro che risolleverebbe l’edilizia e l’economia dell’Isola.
In questo modo, soprattutto, si avvierebbe una serie opera di prevenzione per proteggere oltre 4 milioni di siciliani che vivono in alcune delle aree più esposte al rischio e in abitazioni di scarsa qualità. Del resto mettere in sicurezza, grazie anche alle agevolazioni fiscali, è comunque più economico e semplice che dover ricostruire.
Nell’Isola sono circa 2,4 milioni le abitazioni che abbisognano di interventi antisismici, secondo stime Ance-Cresme.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 16 settembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus