Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

La Giunta regionale blocca circolare su decadenza sindaci
di Raffaella Pessina

Sospensione decisa nelle more di acquisire il parere del Cga sulla norma. Mancata approvazione dei bilanci, si azzera anche la giunta

Tags: Ars, Patto Per La Sicilia



PALERMO - Il Patto per la Sicilia sta diventando operativo, ma il presidente Crocetta non è ancora intervenuto in Aula, così come richiesto dal Parlamento, per riferire in merito all’argomento. Lo farà martedì della prossima settimana, ma intanto la giunta di Governo ha approvato la prima attuazione del Patto per la Sicilia. Si tratta di 60 milioni di euro che verranno utilizzati per progetti di manutenzione del territorio, rinaturalizzazione e tutela della biodiversità che verranno realizzati attraverso gli operai forestali. Lo stanziamento è stato comunicato dall’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici. E sempre in tema di agricoltura, la minifinanziaria approvata mercoledì pomeriggio in Aula ha stabilito di stanziare altri 3,7 milioni di euro per i Consorzi di bonifica che si vanno ad aggiungere ai 2,7 della manovra economica del 2016.

Soddisfatto Giovanni Panepinto,vice presidente del gruppo Pd all’Ars che annuncia altre misure a favore dell’agricoltura: “Nelle prossime variazioni di bilancio, in esame fra qualche giorno all’Ars, - ha assicurato Panepinto - puntiamo a individuare le somme necessarie per la manutenzione degli impianti irrigui attraverso l’attività dei ‘cinquantunisti’, che devono poter effettuare settantotto giornale lavorative”.

Nell’assestamento di bilancio, all’articolo 5, sono anche stati stanziati 9 milioni di euro per i Liberi consorzi. Mario Alloro del Pd spiega come “I soldi destinati ai Liberi consorzi con la riserva di legge che sancisce la priorità di assegnazione a disabili e precari aggiunti ai quasi 20 milioni conferiti con la Finanziaria dello scorso marzo e da pochi giorni ripartiti alle ex Province, consentiranno la ripresa dell’attività lavorativa per quei contrattisti a tempo determinato il cui contratto, come accaduto in provincia di Enna, è stato rinnovato solo giuridicamente ma non economicamente né dal punto di vista dell’attribuzione di carico di lavoro”.

La giunta inoltre ha bloccato una circolare che riguarda la decadenza dei sindaci in caso di mancata approvazione dei bilanci da parte del consiglio comunale. Il presidente Crocetta infatti ritiene che non si possa attribuire al sindaco che ha proposto ed approvato il bilancio in giunta, la responsabilità della mancata approvazione da parte del consiglio comunale. Il governo è convinto “che questa situazione potrebbe essere utilizzata al fine di creare instabilità politica, utilizzando lo strumento finanziario come mozione di sfiducia, che prevede una diversa e più qualificata maggioranza”. La parola ora passa al Cga che dovrà decidere in merito. Soddisfatti i vertici dell’Anci Sicilia. Il presidente Leoluca Orlando ha detto che “La norma in questione in un momento così difficile per gli enti locali siciliani rischia solamente di esasperare nelle amministrazioni locali conflittualità tra sindaco, giunta e opposizioni in consiglio comunale. Adesso occorre rivedere in tempi brevi la norma eliminando una fonte inesauribile di incertezza, controversie e ricorsi di varia natura”.

Approvata in giunta anche la graduatoria dei progetti di riqualificazione urbana, che fanno sempre parte del Patto per la Sicilia, così come il piano per la portualità  che prevede finanziamenti sia per i piccoli porti che per importanti strutture portuali regionali. Sbloccato infine l’avvio della realizzazione del nuovo bacino carenaggio all’interno del porto di Palermo. Mostra soddisfazione la parlamentare regionale dell’Udc, Margherita La Rocca Ruvolo. “I finanziamenti previsti - ha detto - consentiranno la messa in sicurezza e riporteranno alla luce bellezze uniche e daranno una marcia in più anche al settore turistico”. Per la cronaca verranno stanziati 800 mila euro per la cattedrale di Agrigento, che si vanno ad aggiungere ai 700 mila messi a disposizione dalla Curia di Agrigento. Nella mattinata di oggi il presidente terrà una conferenza stampa per illustrare tutte le opere approvate nel dettaglio.

Articolo pubblicato il 23 settembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus