Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

I sindaci non prevengono le calamità
di Rosario Battiato

La Sicilia è fra le regioni dove si è registrato il maggiore incremento di consumo di suolo nelle aree a rischio naturale. Cemento autorizzato là dove è più alto il pericolo di frane, alluvioni e terremoti

Tags: Rischio Idrogeologico, Regione Siciliana, Sicilia



PALERMO – Non è soltanto la mancanza di prevenzione nei confronti del rischio naturale ad agitare i sogni dei siciliani e degli amministratori locali e regionali. In Sicilia, infatti, si continua a costruire, indipendentemente dai fattori di pericolosità e di fragilità del territorio.
Lo confermano gli ultimi numeri diffusi dall’Ispra sul consumo di suolo che ha registrato un sostanzioso incremento percentuale in Sicilia tra il 2012 e il 2015 proprio nelle zone a rischio sismico, idraulico e da frana che coinvolgono buona parte dei comuni isolani.
Dati che in diversi casi risultano superiori a quelli medi nazionali. Eppure costruire non serve, perché il futuro dell’edilizia e della sicurezza degli isolani ormai passa dalla messa in sicurezza del costruito.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 04 ottobre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus