Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Bilanci, a casa due sindaci su tre
di Rosario Battiato

Con la Legge regionale 17/2016 la mancata approvazione fa decadere Consigli comunali e primi cittadini. Regione schizofrenica: prima l’aut aut ai Comuni, poi l’ennesimo dietrofront

Tags: Enti Locali, Sicilia, Bilancio



PALERMO - Lo abbiamo scritto più volte: il ritardo con cui gli Enti locali siciliani approvano ogni anno i bilanci preventivo e consuntivo penalizza oltremodo le comunità coinvolte, con ripercussioni gravi sui servizi essenziali erogati ai cittadini.
La nuova legge elettorale approvata nelle scorse settimane dalla Regione, però, potrebbe cambiare tutto, poiché in caso di mancata approvazione dei documenti economici oltre i tempi stabiliti dal Tuel è prevista la decadenza del sindaco come diretta conseguenza dello scioglimento del Consiglio comunale.
Allo stato attuale, in pratica, due Comuni siciliani su tre si ritroverebbero senza guida, provocando un caos che non è difficile immaginare.
La Regione adesso prende tempo, ma la legge in questione è già in vigore.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 05 ottobre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus