Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Troppi i decessi causati dall'inquinamento dell'aria
di Bartolomeo Buscema

Agenzia internazionale dell’energia: nel mondo 6,5 milioni di persone muoiono prematuramente. Utilizzo di cherosene e legna per cucinare, strage silenziosa in Asia e Africa sub sahariana

Tags: Inquinamento



CATANIA - Di recente, l’Agenzia Internazionale dell’energia (Iea) ha pubblicato il rapporto “Energy and Air Pollution” (Energia e inquinamento dell’aria), il quale contiene un dato che allo stesso tempo sconcerta e allarma: nel mondo, ogni anno, muoiono 6,5 milioni di individui a causa dell’inquinamento dell’aria. Più in dettaglio: tre milioni di morti premature sono imputabili alla qualità dell’aria esterna; tre milioni e mezzo a quella interna che in molte situazioni è più inquinata di quella eterna, perché agli inquinanti interni (formaldeide, tabacco, ecc.) si aggiungono quelli esterni quali anidride carbonica, anidride solforosa, ossidi di azoto, ecc.
 
Quello dell’inquinamento dell’aria non è un problema da sottovalutare: l’alta presenza di veleni presenti in questo miscuglio di gas che ci riempie i polmoni, si colloca al quarto posto tra i fattori che minacciano la salute umana, dopo l’ipertensione, la malnutrizione e il fumo.

Gli esperti dell’Iea puntano il dito sui combustibili fossili (carbone, petrolio e gas naturale), distinguendo tra due fattori sociologici : la povertà e l’urbanizzazione. Corollario del primo fattore, cioè la povertà, è l’uso non appropriato dei combustibili fossili: in Asia e nell’Africa sub-sahariana, quasi 2,7 miliardi di persone utilizzano il cherosene e la legna per cucinare e illuminare la propria casa. Due combustibili, si legge nel rapporto, che generano prodotti di combustione responsabili di 3,5 milioni di morti premature ogni anno.

Il secondo fattore, che causa ogni anno tre milioni di morti premature, è l’urbanizzazione che fa crescere esponenzialmente l’uso intensivo di combustibili fossili utilizzati per la produzione di energia elettrica, sia per l’illuminazione pubblica sia per l’illuminazione privata, per la climatizzazione estiva e invernale degli edifici e per il trasporto su strada. Il principale accusato è il carbone, ritenuto responsabile del 60% delle emissioni globali di anidride solforosa. Seguono la benzina e il gasolio che insieme sono responsabili del 50% delle emissioni di ossidi di azoto che, oltre alle piogge acide, favoriscono la formazione dell’ozono troposferico, cosi deleterio per le nostre vie respiratorie.

Ma il citato rapporto non si limita all’analisi del presente, ma scandaglia anche scenari futuri cercando di dare un quadro realistico di quello che accadrà nei prossimi venticinque anni. L’uso di combustibili fossili, nonostante gli impegni del recente summit di Parigi sul clima globale (Cop21), continuerà ad aumentare nel prossimo quarto di secolo. Anche se la promozione dell’efficienza energetica e l’espansione delle fonti rinnovabili costituiranno un deciso fattore di riduzione delle emissioni inquinanti. Più in dettaglio, nel rapporto si legge che le emissioni inquinanti diminuiranno del 40% in Cina, pur in presenza di una crescita della domanda di energia, grazie al progressivo abbandono del carbone e alla diffusione delle tecnologie pulite. In India la riduzione delle emissioni sarà più contenuta, intorno al 10% rispetto ai livelli attuali. Quanto all’Africa sub-sahariana, purtroppo, l’effetto combinato tra la crescita del reddito pro-capite e della popolazione determinerà un aumento dell’inquinamento verso un livello paragonabile a quello attuale dell’India. Solo nei Paesi industrializzati le emissioni d’inquinanti presenti nell’aria tenderanno a scendere.

Purtroppo, il dato globale che trae l’Agenzia Internazionale per l’energia è di un aumento delle vittime per inquinamento dell’aria, che nel 2040 saranno 7,5 milioni (un milione in più rispetto a oggi). Una previsione preoccupante ma evitabile, a condizione che si cambi modello di sviluppo e si cominci con vigore a spingere verso le fonti energetiche rinnovabili.

Articolo pubblicato il 06 ottobre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐