Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - Il porto rientra nel centro urbano
di Melania Tanteri

Il lavoro è frutto dell’intesa tra l’Amministrazione, l’Autorità portuale e l’ammiraglio Martello. Ieri mattina iniziati i lavori per l’abbattimento del muro di separazione

Tags: Catania, Porto, Enzo Bianco



CATANIA - Una data storica. Un giorno tanto atteso e, finalmente, arrivato”. Un entusiasta assessore all’urbanistica Salvo Di Salvo, commenta così l’abbattimento di una porzione di muro di recinzione che, fino a oggi, ha separato il porto dal centro città. E che finalmente è stato abbattuto. In realtà, a essere demolita, per il momento, è solo una porzione, circa cinquanta metri, che vanno dall’edificio dell’ex Dogana in direzione piazza Borsellino (ex piazza Alcalà), ma Salvo Di Salvo, delegato del sindaco Bianco all’Urbanistica, assicura che si tratta solo di un primo passo e che presto si andrà avanti nell’apertura del porto alla città.

“Lo scorso mese di marzo, con la firma di un protocollo tra Comune di Catania e Autorità portuale, con il sindaco avevamo preso un impegno - spiega Salvo Di Salvo - confermando la volontà condivisa di eliminare la barriera fisica tra porto e città. Abbiamo istituito un tavolo tecnico - aggiunge l’assessore - e gli uffici tecnici di comune e Autorità hanno stabilito di iniziare con questi 50 metri”. Un vero e proprio evento, data la richiesta della cittadinanza che da anni chiedeva una simile azione, per consentire maggiore interazione con il porto, per collegare la città con il mare e per fruire di banchine e strutture, proprio come nelle principali città portuali, italiane e straniere. Come sottolineato dal sindaco Bianco.

“Catania è una città di mare separata dal mare. Con la piena collaborazione dell’Autorità portuale e dell’ammiraglio Martello che ha percepito la necessità dei Catanesi - evidenzia - di riappropriarsi del porto”. Il primo cittadino sottolinea che presto sarà organizzato un concorso di idee, con la collaborazione degli ordini professionali, per la sistemazione dell’area appena “liberata” dal cemento.
Entusiasta l’ammiraglio Nunzio Martello, commissario dell’autorità portuale, che sottolinea come questo sia solo un primo, ma importante, passo, verso una nuova visione dei rapporti porto-città. “Sono solo cinquanta metri per adesso - afferma - ma è un importante segnale”.

Comunque, un primo passo di tanti altri che verranno in futuro, come illustra l’assessore Di Salvo. “Andremo avanti - afferma - per restituire il porto alla città e andremo avanti con lo stesso metodo. Stiamo programmando con l’Autorità portuale altri interventi, come il percorso per i turisti che arrivano sulle navi da crociera, la sistemazione degli Archi della Marina e la messa in sicurezza di via Dusmet. Lavoreremo anche - conclude - alla passeggiata che collegherà piazza dei Martiri e il molo di levante”.

Articolo pubblicato il 08 ottobre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus