Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Infrazioni Ue, Sicilia autolesionista
di Rosario Battiato

Eurinfra: nove delle procedure attualmente aperte contro l’Italia coinvolgono direttamente la Regione. Solo in due casi sanzioni certe per 190 mln, decurtati dai futuri finanziamenti

Tags: Sicilia, Ue, Infrazioni



PALERMO – Sono 72 le procedure di infrazione che riguardano l’Italia secondo l’ultimo aggiornamento del dipartimento delle Politiche europee della presidenza del Consiglio dei ministri del 29 settembre scorso. Rispetto all’ultima rilevazione, le procedure sono scese da 78 a 72 e si distribuiscono tra violazione del diritto dell’Unione (57) e mancato recepimento di direttive (15).
Il settore più gettonato resta quello ambientale (14), seguito da affari interni (8) e fiscalità e dogane (7). La Sicilia non è esente da responsabilità dal momento che, secondo l’ultimo focus relativo alla Regione, ce ne sono ben 9 che la riguardano direttamente e alcune di queste si trovano già in “zona sanzioni”. I mali sono sempre quelli noti: rifiuti, depurazione, qualità dell’aria e rumore. La Regione è al lavoro per trovare delle soluzioni adeguate, ma i tempi per il risanamento sono ancora lunghi.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 20 ottobre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐