Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Comuni in crac, cittadini in mutande
di Rosario Battiato

Ifil: in Italia situazione sana per le Amministrazioni del Nord-Est; disastrosa, invece, al Sud e in Sicilia. Un Ente locale su dieci ha dichiarato il dissesto o il predissesto finanziario

Tags: Enti Locali, Sicilia, Ifil



PALERMO - A certificare le difficoltà degli Enti locali siciliani ci ha pensato il rapporto “Il bilancio 2016” dell’Istituto per la finanza e l’economia locale (Ifel) della Fondazione Anci. Come si evince dal documento, dal 2011 al 2014, a livello nazionale, il numero degli Enti che hanno deliberato il dissesto finanziario è stato costantemente in crescita: dai tre enti del 2011 ai 21 nel 2014, passando per i 14 nel 2012 e i 20 nel 2013. Ma in tutto il Nord Italia sono stati registrati appena due casi di dissesto (entrambi in Piemonte), mentre tutto il resto è concentrato nel Mezzogiorno.
La Sicilia in particolare, ha attirato l’attenzione dell’Ifel “non solo per le dimensioni demografiche degli enti coinvolti, ma anche alla luce di una situazione di squilibrio finanziario di lungo corso e che sembra essersi ‘cronicizzata’ nel corso degli anni”.
 
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 21 ottobre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐