Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Smog, servono polmoni d'acciaio
di Rosario Battiato

Due procedure di infrazione Ue, troppi limiti superati, Piano regionale non aggiornato: in 800 muoiono ogni anno. Arpa al ministero: aggiornare parametri di inquinanti non previsti dalle norme

Tags: Smog, Inquinamento, Ambiente, Arpa



PALERMO – Non tira una buona aria in Sicilia. L’ultimo rapporto dell’Arpa, pur certificando un generico miglioramento della qualità dell’aria isolana, lascia ancora pesanti dubbi su diversi fronti.
In attesa della nuova rete di monitoraggio, che dovrebbe essere pronta per il 2017, i superamenti dei limiti di legge permangono per diversi inquinanti, così come restano aperte a Bruxelles le due procedure di infrazione relative alla qualità dell’aria che riguardano direttamente la Regione siciliana.
Così, mentre l’Arpa chiede al ministero nuovi parametri per gli inquinanti non previsti dalle norme, l’Isola resta ancora pesantemente indietro sul fronte degli strumenti normativi necessari per gestire le emissioni. E i polmoni dei siciliani sono i primi a risentirne.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 05 novembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐