Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

I borghi siciliani provano ad alzare la testa
di Adriano Agatino Zuccaro

Montalbano Elicona e Sambuca di Sicilia (gli ultimi eletti “Più belli d’Italia), si fanno promotori di iniziative di valorizzazione turistica. Ha avuto successo la rassegna “Borgo Mistico Fest” che si è tenuta nel comune messinese dal 28 al 30 ottobre scorso

Tags: Turismo, Borghi, Sicilia



PALERMO - “Abbiamo una ricchezza a livello paesaggistico, climatico, monumentale e artistico che non ha nulla da invidiare a nessuno. Si tratta però di uno scrigno chiuso. Se riuscissimo ad aprire questo scrigno, stando attenti alle serrature che a volte sono arrugginite (cioè migliorando la viabilità), e riuscissimo a metterlo ‘in vetrina’ e a promuoverlo coi mezzi informatici che ci sono oggi, riusciremmo a raccogliere, giorno dopo giorno, i frutti”. Salvatore Bartolotta, coordinatore regionale del Club “I Borghi più belli d'Italia” e vicesindaco di Novara di Sicilia (Me), qualche mese fa rispondendo alle domande preparate dalla redazione del QdS, commentava così le performance delle 19 “perle” isolane. Qualcosa nelle ultime settimane si è mossa in tale direzione.

La “vetrina” di cui parlava Bartolotta dal 28 al 30 ottobre scorso, infatti, si è arricchita di un'importante iniziativa: la prima edizione di Borgo Mistico Fest in scena a Montalbano Elicona (ME), uno dei borghi più belli d'Italia. Molto interesse è stato espresso per un festival che intende esplorare il sacro nelle sue più interessanti, spesso inaspettate, declinazioni. Un programma densissimo e articolato, scriveva Adnkronos qualche giorno fa, nato dall’incontro creativo fra Palermo, città natale degli ideatori, e Montalbano Elicona - che si muove sui binari di storia, natura, musica, arti performative, paesaggio e narrazione e che ha già conquistato l’entusiasmo di artisti come il compositore Franco Battiato e il direttore d’orchestra Ennio Nicotra.

Il Borgo Mistico Fest ha ospitato Franco Arminio, scrittore, regista e “paesologo”, la musica di Podolika Tour, una conferenza su tre grandi figure di mistiche. Domenica visita ai megaliti di Argimusco, tra i più suggestivi luoghi naturali del mondo per la visita guidata, a cura dell’archeoastronomo Andrea Orlando e per finire, in serata, il concerto Endo e il suono esoterico dei Nuclearte. “È un salto di qualità nell’offerta culturale dei nostri territori. Borgo Mistico Fest è una rassegna – dice ad Adnkronos il sindaco di Montalbano Elicona, Filippo Taranto - che promuove un nuovo modo di fare e proporre cultura. In sintonia con tutte le programmazioni più avanzate d’Europa che, grazie ai festival e alle kermesse tematiche, portano avanti un modello di turismo lontano dall’idea di mordi e fuggi. È una proposta culturale all’avanguardia – prosegue Taranto – che sollecita una conoscenza profonda del territorio, facendone scoprire le peculiarità più segrete. Vogliamo essere i primi a proporre questa formula, nella speranza che altri territori in futuro la facciano propria”.

Proprio in merito al “mordi e fuggi”, nella nostra inchiesta del 19 aprile scorso sottolineavamo come buona parte dei borghi isolani non avesse strutture ricettive adeguate per andare incontro alle esigenze dei turisti, segnalavamo, inoltre, la carenza di infrastrutture e di programmazione. Per “combattere” il turismo mordi e fuggi, obiettivamente di casa in molti piccoli Comuni isolani, Sambuca di Sicilia (AG), il Borgo più bello d'Italia 2016, diventerà ben presto uno dei Paesi albergo dell’Isola in grado di aumentare la ricettività turistica e di offrire una ospitalità alberghiera di prim’ordine. A Sambuca di Sicilia, scrive l’Ansa, sono infatti cominciati i lavori per la realizzazione dell’Albergo diffuso nel quartiere arabo.
 


Case e camere in centro adibite a strutture turistiche
 
L’Albergo diffuso, la cui formula si sta diffondendo anche in Sicilia, è una proposta concepita per offrire agli ospiti l’esperienza di vita di un centro storico di una città o di un paese, potendo contare su tutti i servizi alberghieri, cioè su accoglienza, assistenza, ristorazione, spazi e servizi comuni per gli ospiti, alloggiando in case e camere che distano non oltre 300 metri dal “cuore” della struttura: lo stabile nel quale sono situati la reception e gli ambienti comuni. “L'iniziativa - prosegue un articolo Ansa del 26 ottobre scorso - è della Coretur viaggi e turismo Srl dell'imprenditore Giuseppe Cassarà, presidente onorario della Fiavet con una esperienza consolidata nel settore, che alcuni anni fa ha acquistato dal Comune alcuni immobili del centro storico per trasformarli in residenze turistiche alberghiere a quattro stelle”. Complessivamente a Sambuca di Sicilia saranno realizzate trentuno residenze, tra cui due suite, distinguibili in monolocali, bilocali, trilocali e quadrilocali, con una disponibilità di 116 posti letto, oltre a una reception in uno dei palazzo storici del quartiere. Le presenze previste su base annua sono circa 30 mila, con un ritorno non indifferente per l'indotto e lo sviluppo economico del territorio. Nella gestione dell'albergo diffuso, inoltre, saranno impegnate almeno 10 persone. L'investimento complessivo è di circa 4 milioni di euro. La consegna dei lavori è prevista per il 30 giugno 2017, in tempo per la prossima stagione estiva.

Articolo pubblicato il 08 novembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐