Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Prossimi passi: Cec-pac e fatturazione elettronica
di Dario Raffaele

Informatizzazione nella P.a. e nuovi strumenti anti-burocrazia. Presto la riforma del Cad con l’itroduzione di sanzioni

Tags: Pec, Pa, Renzo Turatto



Tante le novità in tema di informatizzazione nella P.a. Il  Legislatore ha pubblicato questa estate un bando di gara per la concessione del servizio di Comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e Cittadino (Cec-pac). Secondo quanto riportato dal bando, il nuovo strumento di comunicazione è destinato “esclusivamente alle comunicazioni tra Pa e cittadino, e viceversa”. L’insieme dei servizi necessari a garantire la creazione di un canale di comunicazione semplice, diretto e sicuro tra cittadino e Pa sono: la casella di posta elettronica Cec-pac; il servizio di notifica tramite posta elettronica tradizionale dell’avvenuta ricezione di un messaggio sulla casella Cec-pac; il fascicolo elettronico personale del cittadino, uno spazio per la memorizzazione dei documenti scambiati con la Pa.
Altra novità che si sta facendo largo è la fatturazione elettronica. Ne abbiamo parlato con il capo del dipartimento Digitalizzazione e innovazione tecnologica del ministero per la Pubblica amministrazione e l’innovazione, Renzo Turatto.

È stato emanato il decreto attuativo per la fatturazione elettronica nei confronti delle pubbliche amministrazioni regionali?
“Il decreto attuativo contenente le regole tecniche per la fatturazione elettronica, è in corso di emanazione da parte del  ministro dell’Economia e le finanze, in qualità di ministro proponente, con il concerto del ministro per la Pa e l’innovazione tecnologica”.

Quando diventerà obbligatorio ricevere fatturazione solo per via elettronica?
“La norma (legge 24/12/2007, n° 244 ) prevede che il divieto di accettare fatture emesse o trasmesse su carta scatterà decorsi tre mesi dall’entrata in vigore del predetto decreto”.
“Per quanto riguarda l’uso della Pec – conclude Turatto - l’obbligatorietà per le Pa è già scattata con le previsioni contenute nel Codice dell’amministrazione digitale (d.l.gs 82/2005 ) e con quelle ulteriori dettate dalla legge 2/2009.
“Per gli aspetti sanzionatori, allo stato, oltre alla previsione di generale responsabilità prevista per i dirigenti dal d.lgs. 150/2009 (decreto Brunetta) è all’esame, in sede di riforma del Codice dell’amministrazione digitale, l’individuazione di strumenti sanzionatori per le amministrazioni che non ottemperano”.

Articolo pubblicato il 03 dicembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Senza Pec bruciati 10 milioni di euro -
    P.a. e Pec. Sprechi e ritardi senza informatizzazione.
    Diffusione Pec. Secondo l’ultima rilevazione dell’Istat sulle tecnologie dell’informazione nelle p.a. locali, vi sarebbe un livello di diffusione della Pec del 17,7% contro una media nazionale del 29,9%.
    Comunicazioni interne. Sono circa 60 le caselle di posta elettronica certificata attivate presso gli uffici della Regione siciliana ma attualmente non possono essere utilizzate per comunicazioni verso l’esterno.
    (03 dicembre 2009)
  • Che cosa è. Una raccomandata digitale con avviso di ricevimento - (03 dicembre 2009)
  • Dipartimenti regionali attivati 60 indirizzi Pec -
    Dal 9 novembre si comunica per via telematica fra uffici della Regione. Oltre 100.000 le comunicazioni infradipartimentali
    (03 dicembre 2009)
  • Prossimi passi: Cec-pac e fatturazione elettronica -
    Informatizzazione nella P.a. e nuovi strumenti anti-burocrazia. Presto la riforma del Cad con l’itroduzione di sanzioni
    (03 dicembre 2009)


comments powered by Disqus
Renzo Turatto
Renzo Turatto