Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Odv, progetti sperimentali 2016. Individuate le linee di indirizzo
di Redazione

Sottosegretario Bobba firma direttiva che disciplina l’uso dei finanziamenti. Richieste entro il 7 dicembre. Alle organizzazioni di volontariato risorse anche per iniziative contro il caporalato

Tags: Volontariato, Luigi Bobba



ROMA - È stata firmata dal sottosegretario di Stato Luigi Bobba la direttiva che individua le linee di indirizzo (anno 2016), contenenti le modalità di utilizzo delle risorse finanziarie destinate alla realizzazione di progetti sperimentali e innovativi e/o iniziative promossi dalle organizzazioni di volontariato (Legge 266/1991) e dalle associazioni di promozione sociale (Legge 383/2000). La direttiva stabilisce che:
- La richiesta di contributo, il progetto descrittivo, il piano economico (contenuti nel formulario allegato all’avviso n. 2/2016) devono essere compilati ed inviati al ministero del Lavoro e delle politiche sociali - Direzione generale del terzo settore e della responsabilità sociale delle imprese, esclusivamente attraverso la piattaforma informatica messa a disposizione dal ministero all’indirizzo: www.direttiva266.it, entro le ore 15:00 del 7 dicembre 2016;
- Le organizzazioni di volontariato che non siano già registrate sulla piattaforma informatica potranno effettuare la registrazione entro le ore 12:00 della giornata di oggi;
-  La piattaforma informatica dedicata alla presentazione dei progetti sarà attiva a partire dalle ore 12:00 del 22 novembre 2016 per consentire il necessario aggiornamento tecnico;
- Le richieste di contributo possono essere presentate esclusivamente, a pena di inammissibilità, da organizzazioni di volontariato che, alla data di adozione della direttiva (10 novembre 2016) risultino: legalmente costituite da almeno due anni; regolarmente iscritte nei registri regionali del volontariato, di cui all’articolo 6 della legge 11 agosto 1991, n. 266 e alle leggi e delibere regionali e provinciali attuative della predetta legge-quadro. Il requisito dell’iscrizione ai predetti registri deve essere comprovato, a pena di decadenza dal contributo, per l’intero periodo di realizzazione del progetto approvato.

Le novità dell’Avviso 2016.

Le principali novità contenute nella direttiva riguardano la presentazione di iniziative e progetti contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura, in attuazione a quanto previsto dal Protocollo sperimentale “Cura – Legalità – Uscita dal ghetto” sottoscritto in data 27 maggio 2016 e  l’inserimento nei criteri di valutazione del rapporto quantitativo tra il personale retribuito coinvolto nel progetto e quello volontario e la rilevanza qualitativa dell’attività dei volontari coinvolti nelle attività del progetto. Il costo complessivo per ogni progetto è stato invece elevato euro 40 mila euro, di cui il 10% è a carico dell’organizzazione di volontariato proponente, mentre è stato innalzato a 60/100 il punteggio minimo che i progetti dovranno conseguire per risultare ammissibili al contributo (nei limiti delle risorse complessivamente disponibili).

Continuità con il passato.
Ciò che rimane invariato riguarda i progetti sperimentali e innovativi proposti, che potranno prevedere il coinvolgimento attivo dei soggetti che beneficiano di prestazioni di sostegno in attività di utilità sociale, in attuazione della misura sperimentale #diamociunamano. C’è ancora la possibilità per le organizzazioni di volontariato richiedenti il contributo di inserire come quota parte a loro carico (pari al 10% del costo complessivo del progetto) “la valorizzazione delle attività di volontariato”, che non costituiscono un costo, ma la stima figurativa del corrispondente costo reale che può essere soggetta solo ed esclusivamente a valorizzazione relazionale di tipo quali-quantitativo.
Le organizzazioni di volontariato interessate, fino a 6 giorni prima della scadenza del termine per l’invio delle proposte, potranno formulare quesiti esclusivamente all’indirizzo: direttiva266@lavoro.gov.it riportando come oggetto: “Avviso n. 2/2016 quesito 266/1991″. Non saranno prese in considerazione email di provenienza incerta, che riportino un oggetto diverso da quello indicato ovvero che contengano quesiti relativi al merito delle attività progettuali e del piano economico.
 

 
Due milioni di euro per la realizzazione dei progetti proposti
 
Anche per il 2016 ai contributi per la realizzazione delle proposte progettuali sono destinati 2 milioni di euro, che saranno disponibili una volta completato l’iter per la riassegnazione, ai rispettivi capitoli di bilancio del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, delle risorse finanziarie derivanti dal riparto del Fondo nazionale per le politiche sociali per l’anno 2016.  Una quota percentuale - fino ad un massimo del 25% delle disponibilità finanziarie suindicate -sarà destinata a progetti realizzati a favore delle popolazioni delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria colpite dal terremoto del 24 agosto 2016, di cui alla delibera del Consiglio dei ministri del 25 agosto 2016 - “Dichiarazione dello stato  di emergenza  in conseguenza degli eccezionali eventi sismici che il giorno 24 agosto 2016 hanno colpito il  territorio delle Regioni  Abruzzo, Lazio, Marche e  Umbria” e alla successiva delibera del Consiglio dei ministri del 31 ottobre 2016 – “Estensione degli effetti della dichiarazione dello stato di emergenza adottata con la delibera del 25 agosto 2016, in conseguenza degli ulteriori eccezionali eventi sismici che il giorno 30 ottobre 2016 hanno colpito nuovamente il territorio delle regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria”.

Articolo pubblicato il 18 novembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐