Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo - Nessun passo indietro per la Ztl. Il Tar respinge la sospensiva
di Gaspare Ingargiola

La Zona a traffico limitato resterà in vigore almeno fino al 6/12, quando i giudici si pronunceranno sui ricorsi. Continua la protesta degli esercenti che lamentano un calo degli affari pari all’80%

Tags: Palermo, Mobilità, Leoluca Orlando, Ztl



PALERMO - Il primo round va al Comune. La Ztl di Palermo resterà in vigore almeno fino al 6 dicembre, quando il Tar si pronuncerà nel merito. I giudici amministrativi hanno infatti respinto la richiesta di sospensiva temporanea e urgente in attesa della sentenza perché “non sussiste l’estrema gravità e urgenza”, visto che l’Amministrazione ha già dimostrato di poter rimborsare gli automobilisti con una certa solerzia.

La vera partita, dunque, si giocherà il 6 dicembre, quando il Tar deciderà sul nuovo ricorso “per motivi aggiunti” presentato dalle stesse associazioni, “Vivo Civile” e “Bispensiero”, che già la scorsa primavera si erano opposte al provvedimento antismog. A questo nuovo ricorso si sono aggiunte anche le associazioni di categoria dei commercianti, mentre quelle ambientaliste hanno presentato una sorta di ‘controricorso’ a sostegno delle ragioni di Amat e amministrazione.

Il 6 aprile il Tar aveva accolto il primo ricorso e sospeso la prima versione della Ztl ma a maggio il Cga aveva dato - parzialmente - ragione a Palazzo delle Aquile, chiedendo però di attendere per prudenza la decisione di merito del Tar (ma la giunta Orlando ha preferito non aspettare), di apportare alcuni correttivi e di migliorare il trasporto pubblico: un settore in cui, secondo l’ultimo rapporto di Legambiente “Ecosistema Urbano” (vedi Quotidiano di Sicilia del 16 novembre), il capoluogo siciliano è in fondo a tutte le classifiche. Nel frattempo però non si placa la protesta dei commercianti di via Roma, che da lunedì ogni sera, dalle 18.30 alle 19, spengono le insegne dei loro negozi “per mostrare come diventerà via Roma se il Comune andrà avanti per la sua strada senza ascoltarci”.

L’adesione è stata massiccia, dalla “Rinascente” alla storica cartoleria “Perna”, dal negozio di abbigliamento “Alex & David” a “Gaia”, “Saccone” e tutti i negozi delle vie Calderai, Candelai, Cagliari, Meli, piazza San Domenico, Divisi, Bandiera e Napoli. Molte bancarelle sono state chiuse a Ballarò e alla Vucciria. Per le due associazioni di categoria “dall’entrata in vigore del provvedimento i negozianti hanno registrato un calo d’affari pari all’80 per cento”.

“Chi ha un’attività in questa zona non ce la fa più - ha detto Nunzio Reina, presidente di Confartigianato - e sono partiti anche i primi licenziamenti. Noi rappresentiamo qualcuno, l’anima di questa città, che adesso soffre più di prima. Vogliamo un confronto con il sindaco Leoluca Orlando, è ora di smetterla con il silenzio. È un dialogo necessario prima del 6 dicembre: dopo non avrebbe alcun senso”.

“È una Ztl ‘palermosaura’ - ha aggiunto il presidente di Confimpresa Giovanni Felice -, figlia di analisi che non ha nulla a che vedere con il progetto e con gli atti approvati. La differenza con le Ztl europee emerge proprio nell’attuazione, non nel principio”.
Vincenzo Fumetta, segretario provinciale di Rifondazione comunista, invita l’Amministrazione “a rendere pubblici gli effetti positivi, in termini ambientali della Ztl, affrettandosi ad apportare le modifiche necessarie a dimostrare che le limitazioni del traffico privato rappresentano una sfida anche per il rilancio dell’economia e per il commercio”.

Anche la presidente della Prima Circoscrizione Paola Miceli ha annunciato che “il consiglio circoscrizionale sta elaborando una serie di proposte con l’intento di portare un fattivo contributo al dibattito in corso sulla Zona a traffico limitato” per “rendere migliore un provvedimento che certamente sta giovando alla salute pubblica e alla qualità dell’ambiente. L’intero Consiglio di circoscrizione ritiene che alcuni interventi migliorativi possano rendere ancora più efficace il provvedimento di istituzione della Ztl. Nei prossimi giorni - conclude - il Consiglio di circoscrizione inviterà l’assessore Giusto Catania al fine di entrare nel merito delle proposte che potranno diventare patrimonio dell’intero Consiglio di circoscrizione”.

Intanto oggi, alle ore 15 a Palazzo delle Aquile, si terrà una conferenza stampa per presentare gli effetti della Ztl in termini di circolazione veicolare e inquinamento ambientale, e per illustrare le prime ipotesi di modifica e integrazione del provvedimento. All’incontro saranno presenti  il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore alla Mobilità, Giusto Catania.

Articolo pubblicato il 25 novembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐