Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Acireale, dopo 40 anni addio ecomostro
di Redazione

Domani verrà finalmente abbattuto lo scheletro dell’Hotel che dagli anni ‘70 deturpa la Timpa. I lavori costeranno 155 mila € e andranno avanti fino al prossimo febbraio

Tags: Acireale, Timpa, Ecomostro



GIARRE (CT) - Domani sarà abbattuto l’ecomostro che da 40 anni deturpa la Riserva naturale della Timpa. Acireale, gli amanti della natura, della bellezza e della legalità festeggeranno la vittoria sull’inciviltà dell’uomo, sull’abusivismo e l’illegalità. L’ecomostro della Timpa di Acireale è lo scheletro di ferro e cemento dell’ Hotel Santa Maria La Scala, quel che resta del progetto di un albergo extralusso a strapiombo sul mare, la cui costruzione iniziò a metà degli anni ‘70.

I lavori si bloccarono fortunatamente pochi anni dopo e oggi dei cinque piani dell’hotel restano solo l’ossatura in acciaio e cemento e danni irreversibili alla morfologia del costone lavico, tra la macchia mediterranea e i boschi di querce.
Nonostante l’interruzione dei lavori, quarant’anni di denunce, esposti, ricorsi e due sentenze, una del TAR e una del CGA, questo scempio edilizio da quasi mezzo secolo domina il paesaggio di Santa Maria La Scala.

Nel 2000 il TAR aveva già espresso parere favorevole alla demolizione, ma un contenzioso con i proprietari della struttura ne bloccò l’iter. Nel 2012 il CGA ne ha stabilito l’abbattimento e nel 2013 è la Procura della Repubblica di Catania ad interessarsi alla struttura fatiscente, simbolo evidente di  scellerata speculazione edilizia.

La Città di Acireale arriva finalmente al termine di un percorso condiviso con la Procura di Catania, l’Assessorato regionale Infrastrutture e Mobilità, il Genio Civile di Catania e l’Azienda regionale Foreste Demaniali.
I lavori costeranno 155 mila euro, spesa sostenuta dal Comune di Acireale e dalla Regione siciliana e andranno avanti fino al prossimo febbraio.

L’abbattimento del fabbricato e i movimenti delle macchine seguiranno prescrizioni precise dell’assessorato regionale Territorio e Ambiente, rispettando il periodo riproduttivo e migratorio delle specie faunistiche dell’area protetta.

Articolo pubblicato il 01 dicembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐