Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Niente bilanci, sindaci via. L'Anci esprime i suoi dubbi
di Redazione

Apposita mozione approvata dall’Assemblea regionale siciliana

Tags: Ancisicilia, Leoluca Orlando



PALERMO - L’Associazione dei Comuni siciliani ha espresso “grande preoccupazione per gli effetti che potrebbero derivare dall’approvazione, avvenuta all’Ars, di una mozione in materia di decadenza dei sindaci a seguito della mancata approvazione del bilancio”.

Per Leoluca Orlando e Mario Emanuele Alvano, rispettivamente presidente e segretario generale di Anci Sicilia, “quello degli effetti derivanti dall’attuazione del comma 2 bis dell’art. 5 della legge regionale 11 agosto 2016 n. 17 è un tema sul quale siamo già intervenuti e che speravamo fosse definitivamente risolto”.

“Ferme restando le legittime competenze del Parlamento regionale siciliano – hanno aggiunto - ritenevamo e riteniamo che intervenire in corso di mandato dichiarando la decadenza di un sindaco rappresenti, come ha correttamente sottolineato il Cga, un ‘cambio delle regole del gioco in corso di partita’ con significativi effetti ‘sulle scelte dei cittadini elettori’. A ciò si aggiunga che proprio il Governo e il Parlamento siciliano sono perfettamente a conoscenza della delicatissima condizione finanziaria dei comuni dell’Isola e delle serissime difficoltà che nelle singole amministrazioni si stanno riscontrando per l’approvazione dei bilanci”.

“Non è affatto un caso – hanno evidenziato i rappresentanti dell’Associazione dei Comuni - che ben 120 Enti (ovvero un terzo) non abbia ancora approvato il bilancio di previsione 2016 e che nel corso di quest’anno sia cresciuto in maniera esponenziale il numero degli Enti che ha dichiarato dissesto finanziario. Proprio per queste stesse ragioni il Parlamento regionale ha ritenuto importante approvare, in fase di assestamento, una norma per consentire la stipula di un mutuo di 65 milioni da destinare ai Comuni siciliani”.

“In questo contesto particolarmente complesso – hanno concluso Orlando e Alvano - e al netto della legittima e ordinaria dialettica tra Amministrazione e minoranza in ogni singolo comune, riteniamo particolarmente pericoloso esporre le Amministrazioni a un ulteriore elemento di instabilità ed è per questo che invitiamo il Governo e il Parlamento regionale a ripensare la norma prevista dalla legge 17/2016. Nelle more che ciò avvenga invitiamo i sindaci, come già fatto nel passato, ad avviare ogni iniziativa legale per contestare l’applicazione di tale disposizione sapendo che l’Anci Sicilia sarà al loro fianco”.

Articolo pubblicato il 03 dicembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐