Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La Sicilia prigioniera dei veleni
di Rosario Battiato

Nei 4 siti di Priolo, Gela, Milazzo e Biancavilla lavori in media sotto il 7%, mentre la mortalità per tumore si impenna.  L’Ispra inchioda Regione e Stato: bonifiche ex aree industriali all’anno zero

Tags: Ispra, Sicilia, Inquinamento, Gela, Priolo, Milazzo



PALERMO – Gli anni cambiano, ma i dati restano sempre quelli. Lo stato di avanzamento delle bonifiche industriali nei quattro siti di interesse nazionale di Sicilia procede troppo lentamente, al punto che, secondo gli ultimi dati dell'Ispra, soltanto Milazzo può vantare almeno un quinto delle procedure completate in relazione all'area perimetrata. Eppure è davvero passato tanto tempo dalla loro istituzione: quasi vent’anni per Priolo e Gela, più di quindici per Biancavilla e poco più di decennio per Milazzo. Un problema serio visto che, tra finanziamenti saltati e intoppi burocratici, in queste aree gli ultimi dati pubblicati dall'Istituto superiore di sanità confermano mortalità in eccesso per alcune patologie. Intanto qualcosa si muove: a Gela la riqualificazione ambientale e industriale dell’area sembra in procinto di fornire i primi frutti.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 13 dicembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐