Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Lavoro, l'Ue condanna la Regione siciliana
di Adriano Agatino Zuccaro

Eurostat sulla Giustizia sociale: Sicilia in coda in Europa per povertà, occupazione, istruzione, sanità, indice di coesione. Politiche fallimentari hanno portato al 43,5% di occupati e 22% di disoccupati

Tags: Lavoro, Regione Siciliana, Ue, Unione Europea



Quasi un quarto dei cittadini dell’Unione europea (23,7%), pari a circa 118 milioni di persone, sono oggi a rischio povertà ed esclusione sociale.
Lo dice l’ultimo rapporto della fondazione Bertelsmann Stiftung “Social Justice Index” che ha esaminato quale giustizia sociale esiste nei 28 Stati membri. L’Italia è relegata al 24esimo posto e chi ha un’attività che gli permette di avere uno stipendio resta in uno stato di costante precarietà e non sempre riesce a viverci.
Cosa dire poi di chi il lavoro non ce l’ha? Nella nostra Isola il tasso di occupazione del 2015 tra i cittadini d’età compresa tra i 20 e i 64 anni, registrato da Eurostat, si attesta al 43,4% : la peggiore performance in Europa, davanti solo a Calabria (42,1%) e Campania (43,1%). E il tasso di disoccupazione sfiora ormai i 22 punti percentuali.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 14 dicembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus