Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Un'app per geolocalizzare i locali bebè-friendly
di Redazione

Al via campagna di crowdfunding per sostenere “Baby pit stoppers”. L’applicazione consente ai genitori di condividere informazioni

Tags: Baby Pit Stoppers



ROMA - L’associazione di promozione sociale Baby friendly society Aps ha lanciato ieri un crowdfunding a favore della neonata web app Baby Pit Stoppers, piattaforma geolocalizzata e interattiva che consente ai neo-genitori di scambiare informazioni sui locali e gli enti più attenti alle esigenze delle famiglie con bebè. La campagna di crowdfunding prenderà corpo su produzionidalbasso.com e si chiuderà il 15 febbraio 2017.

Consultando la web app gratuita, accessibile da smartphone tablet e pc al sito www.babypitstoppers.com, i neo-genitori, o chi si prende cura di un bebè, possono scoprire ovunque e in tempo reale, su tutto il territorio nazionale e, in qualche caso, nel mondo, oltre 2.600 bar, ristoranti o negozi attrezzati per accogliere le neo-famiglie così come altre tipologie di spazi pubblici, ospedali, studi medici, associazioni ricreative o culturali che possono offrire loro supporto nel delicato periodo del post-parto.

“Lavoriamo per una società in cui sia semplice, per neo-mamme e neo-papà, evitare l’isolamento nelle fasi più vulnerabili del post-parto riprendendo presto ad uscire e viaggiare con il proprio bambino/a” dichiara Valeria Miccolis, ideatrice del progetto Baby Pit Stoppers e presidente di Baby Friendly Society Aps. “La vera forza del progetto è nella community che dal basso segnala e recensisce i locali che incontra garantendo così una mappatura capillare, autentica e sempre aggiornata, premiando gli esercenti più virtuosi e le istituzioni più illuminate e incentivando gli altri ad attrezzarsi” continua . “La piattaforma raccoglie inoltre tutte le principali reti di ‘baby pit stop’ presenti sul territorio nazionale: quelli certificati da La Leche League e Unicef Italia, le Farmacie Amiche dell’Allattamento (Faam) e i Poppa&Pannolo dell’Associazione Allattamento Ibclc oltre ad un nutrito numero di reti locali meno conosciute ma altrettanto preziose.

Articolo pubblicato il 16 dicembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus