Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

I Beni culturali siciliani relegati in soffitta
di Isabella Di Bartolo

Il primo museo regionale è ad Agrigento con 80.000 visitatori, poi il Paolo Orsi (Siracusa) con 58.000. Agli Uffizi 2 mln di turisti. L’Annunciazione di Antonello, Acroliti e Dea di Morgantina: capolavori per pochi intimi

Tags: Beni Culturali, Sicilia



I numeri ufficiali non ci sono ancora ma, dalle prime stime, si conferma una gestione del patrimonio culturale regionale fatto di luci e ombre. Se, infatti, da una parte cresce il turismo culturale grazie alle tristi vicende che vedono protagonisti Paesi del medioriente e del Mediterraneo e che spingono i turisti a scegliere la Sicilia tra le mete delle proprie vacanze; dall’altra, stenta a partire quel sistema di gestione virtuoso che proprio nel turismo culturale dovrebbe avere il suo perno.
Lo dimostra, per ultimo, la vicenda delle aperture dei musei e dei siti archeologici regionali nei giorni di Natale e Capodanno: per razionalizzare risorse e personale, la Regione siciliana ha scelto di chiudere le porte ai turisti suscitando l’indignazione popolare. Un dietrofront parziale ha fatto sì che alcuni musei dell’Isola possano accogliere i turisti che affolleranno le città d’arte siciliane per le vacanze di Capodanno, ma la questione resta aperta.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 30 dicembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus