Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Camera e Senato, uno sguardo all'attività dei parlamentari siciliani
di Giovanna Naccari

Risultato dell’ultimo rapporto Openpolis, aggiornato a novembre 2016, sullo stato della produttività istituzionale dell’attuale legislatura. L’indice è calcolato attribuendo a ciascun deputato e senatore un valore numerico per ogni atto presentato

Tags: Parlamento, Openpolis



PALEMRO - La stragrande maggioranza dei parlamentari ha un ruolo minimo nella produzione legislativa di Camere e Senato. E a lavorare di più spesso sono i politici dell’opposizione. Il dato emerge dall’ultimo rapporto di Openpolis sullo stato della produttività parlamentare della XVII legislatura aggiornato a novembre 2016.

Secondo il rapporto, “nell’indice di produttività la stragrande maggioranza degli eletti ottiene un punteggio basso, raggiungibile anche solo con le presenze. Appena il 5% riesce ad avere un’influenza sui lavori dell’aula”. L’indice di produttività è calcolato attribuendo a ciascun parlamentare un valore numerico per ogni atto presentato in parlamento o di cui è stato relatore. Per ogni atto si prende in considerazione: la tipologia, il consenso ricevuto, l’iter e la partecipazione del parlamentare ai lavori.

Alla Camera dei deputati la maggior parte dei gruppi ha una percentuale elevata di membri che producono meno della media.
“Molto alto il dato di Forza Italia (86% dei componenti sotto la media), Scelta civica - Maie (75%) e Partito democratico (72,09%) - si legge nello studio - Tre i gruppi, tutti dell’opposizione, con più membri sopra la soglia: Lega nord, Si-Sel e Movimento 5 stelle”.

Al Senato il 61,78% dei membri produce meno della media. Solo la Lega nord, ha la maggior parte degli eletti sopra la soglia. Questi gli altri dati: Grandi autonomie e libertà (92,86% dei componenti sotto la media), Alleanza liberalpopolare-autonomie (83,33%) e Forza italia (76,19%). “Sia Movimento 5 stelle che il Partito democratico - si legge nel rapporto - hanno un dato sotto il trend generale dell’Aula, con rispettivamente il 57,14% e il 56,25% dei membri sotto la soglia media di produttività”. Area popolare (Ncd-Udc) “fa peggio” con “il 65,52% dei membri che si trova sotto il livello medio”.

“Oltre il 70% dei deputati e senatori ha meno di 200 punti - scrive Openpolis - soglia raggiungibile anche solo con le presenze. E circa il 35% dei parlamentari ha totalizzato persino meno di 100 punti”.

Per le classifiche regionali tra i parlamentari eletti in Sicilia
, alla Camera risultano nei primi tre posti della classifica Marco Causi (Pd, primo posto), Claudia Mannino (M5S, secondo) e Giulia Grillo (M5S, terzo).  Ultimi tre in classifica per produttività, Francantonio Genovese (prima Pd e poi Fi), Carmelo Lo Monte (Misto), Antonio Martino (Fi-Pdl). Al Senato Antonio Dalì (Fi-Pdl), Giuseppe Lumia (Pd) e Giuseppe Marinello (Ap, Ncd-Udc) sono al primo, secondo e terzo posto; in fondo troviamo Renato Schifani (Fi-Pdl), Mario Ferrara (Gal) e Bruno Alicata (Fi-Pdl).

Articolo pubblicato il 30 dicembre 2016 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus