Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Atenei, didattica e ricerca. Messina eccellenza isolana
di Valeria Arena

Nell’annuale graduatoria del Sole 24 ore Sicilia costretta a rincorrere. Seguono Palermo e Catania. Kore ultima per i non statali

Tags: Università, Sole24ore, Sicilia, Unict, Unime, Unipa



PALERMO - Le Università siciliane si trovano ancora lontane dai vertici dell’annuale classifica dei migliori Atenei statali e non stilata dal Sole24 ore. Nella classifica generale, le tre Università siciliane si trovano infatti nella seconda metà della gradutoria con Messina al primo posto (36esima posizione su 61 strutture) e Palermo (55esima posizione) e Catania  (56esima posizione ) al secondo e terzo posto. Per la Kore di Enna, invece, solo l’ultimo posto nella classifica dei migliori Atenei non statali.

La nuova edizione dei ranking universitari è articolata su 12 indicatori suddivisi in due grandi ambiti: i primi nove misurano il polso alle attività di didattica prendendo in considerazione la solidità della struttura dei docenti, la capacità di garantire puntalità agli studi e i collegamenti internazionali e le esperienze lavorative durante il corso di laurea; gli altri tre, invece, si riferiscono ai risultati del settore della ricerca  in tre macro ambiti (qualità della produzione scientifica, quella dei dottorati e la capacità degli Atenei di ottenere finanzia menti esterni per i loro progetti). In particolare, nella classifica relativa all’attività di didattica Messina si tova alla 45esima posizione, mentre Palermo e Catania rispettivamente alla 51esima e alla 59esima; nella graduatoria della ricerca, Catania supera Palermo, 53esima, raggiungendo il 42° posto, mentre Messina si conferma la prima Università siciliana al 32° posto.

Gli altri quattro indici mostrati dal Sole24 ore riguardano l’attrattività (percentuale di immatricolazioni fuori dalla regione di origine e provenienza), dove Messina occupa la 27esima posizione con il 21,6%, contro il 62,8% di Trento (al primo posto), mentre Palermo (0,1%) e Catania (0,0%) si trovano in terzultima e ultima posizione; la sostenibilità (numero medio di docenti di ruolo nelle materie di base e caratterizzanti per corso di studio), dove la situazione si ribalta: Messina al 7° posto (13,2%), Catania al 15° posto (12,1%) e Palermo al 23° (11,3%); la parcentuale di crediti ottenuti in stage sul totale (Messina quinta, Palermo 41esima e Catania 55esima); e la percentuale dei crediti ottenuti all’estero sul totale: qui Palermo è la prima delle siciliane col 1,9% e la 16esima posizione, mentre Messina (1%), seconda, occupa il 36° posto e Catania, ancora una volta, si presenta come fanalina di coda al 58° posto (0,4%).

La Kore di Enna occupa invece le ultime posizioni in tutte le classifiche, a eccezione di quella relativa ai crediti ottenuti mediante stage, in cui si posiziona al quinto posto.

Articolo pubblicato il 04 gennaio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐