Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Turismo, i Comuni non investono
di Oriana Sipala

Openpolis: i 9 capoluoghi siciliani hanno messo in bilancio al massimo 2€ per abitante, Caltanissetta 2 cent; Bologna e Torino circa 10€. La metà della spesa per i dipendenti, ma non per gli eventi che attraggono turisti

Tags: Turismo



Se c’è un settore sul quale puntare per uscire dalla crisi e creare occupazione, questo è certamente il turismo. Sembra, però, che i Comuni siciliani facciano un po’ di fatica a comprenderlo, visto che proprio sul settore in questione investono poco o niente.
Basta guardare ai documenti contabili degli Enti locali per rendersene conto. Così ha fatto Openbilanci, la piattaforma che raccoglie i bilanci di tutti i Comuni italiani, che ha stilato una classifica delle maggiori città del Belpaese (aventi più di 250 mila abitanti) in base alla spesa che queste hanno destinato al settore turismo.
A primeggiare sono Bologna e Torino, che nel 2014 hanno speso rispettivamente 10,36 euro e 9,33 euro pro capite. Bari, Genova e Venezia spendono più di 5 euro pro capite, mentre le maggiori città della Sicilia non vanno oltre i 2 euro per abitante.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 17 gennaio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐