Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Efficientamento energetico, in arrivo 559 milioni di euro per le imprese siciliane
di Redazione

Po Fesr 2014-2020: il dipartimento Energia ha annunciato che entro il mese di febbraio pubblicherà i primi bandi. L’assessore Vania Contrafatto: “Un co-finanziamento fino al 50% a metà tra Regione e Mise”

Tags: Po Fesr 2014-2020, Vania Contrafatto, Energia, Efficienza Energetica, Sicilia



PALERMO – Un totale di 559 milioni di euro per l’efficientamento energetico in Sicilia. A tanto ammonta la dotazione finanziaria del Po Fesr 2014-2020 e nei prossimi mesi il Dipartimento Energia della Regione siciliana pubblicherà i primi bandi. Si partirà, entro la prima metà di febbraio, con le misure relative alle “diagnosi energetiche”, passaggio propedeutico per poter accedere agli altri finanziamenti.

Ad annunciarlo, a Palermo, l’assessore regionale all’Energia, Vania Contrafatto, in occasione di un incontro in Sicindustria con il presidente della Piccola industria e delegato di Sicindustria per l’Energia, Giorgio Cappello, e una delegazione di imprenditori. “L’assessorato regionale all’Energia - ha detto l’assessore regionale Vania Contrafatto - è impegnato sul fronte dell’efficienza energetica, sostenendo le piccole e medie imprese".
“A breve – ha proseguito l’assessore – pubblicheremo un bando che consentirà di co-finanziare le spese necessarie alla diagnosi energetica e ai sistemi di gestione con certificazione 50001, che rappresentano uno dei pre-requisiti per l’accesso agli interventi dell’asse 4 del PoFesr. Un co-finanziamento fino al 50%, di cui metà a carico della Regione e metà di competenza del ministero per lo Sviluppo economico”.

“Questo bando, che noi riteniamo di fondamentale importanza per aiutare le aziende ad accedere ai fondi europei - ha continuato Contrafatto - è frutto della convenzione firmata col Mise grazie al quale verranno co-finanziati anche i progetti - continua l’assessore - nel solco di una sana collaborazione tra mondo delle istituzioni e delle imprese. Solo facendo rete sarà possibile vincere la sfida dell’efficientamento energetico che ci consentirà, inoltre, di razionalizzare le risorse e di tutelare al meglio il nostro territorio”.

“Far partire i bandi sull’efficientamento energetico – ha detto Cappello – significa creare le condizioni di sviluppo delle imprese in ottica 4.0. Questi fondi potranno fare da leva per rimettere in moto l’economia dell’Isola con investimenti sia pubblici sia privati”.
“Il tema energetico, in Sicilia, è particolarmente urgente - ha continuato Cappello - visti i costi che le imprese sono costrette a sostenere. Basti pensare che le piccole imprese italiane sono in testa nella classifica del costo dell’energia elettrica dell’Eurozona e che quelle siciliane hanno il primato in termini di spesa rispetto al resto del Paese”. “È evidente – ha concluso – il gap competitivo per le imprese che competono ormai con un mercato globale”.

All’incontro hanno partecipato anche il presidente della Commissione Attività Produttive, Giuseppe Laccoto, il dirigente generale del Dipartimento Energia, Domenico Armenio, e il capo di gabinetto, Bartolomeo Brocco.

Articolo pubblicato il 26 gennaio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐