Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Messina - Policlinico, la sosta a pagamento mette ordine ma non convince
di Valeria Zingale

Introdotto un ticket e potenziati i servizi-navetta. Voci di dissenso anche su Facebook. Tomasello e Pecoraro: “Livelli insostenibili di vivibilità e problemi di sicurezza”

Tags: Messina, Policlinico, Parcheggi, Francesco Tomasello, Giuseppe Pecorar



MESSINA – I parcheggi interni all’Azienda Ospedaliera Universitaria “G. Martino” diventano a pagamento e non mancano le polemiche. Il Rettore Francesco Tomasello e il direttore generale Giuseppe Pecoraro sono intervenuti a mettere ordine nella questione.

“La situazione – hanno affermato – aveva raggiunto livelli insostenibili di vivibilità e rischiava di superare i limiti di sicurezza per il flusso delle ambulanze e dei mezzi di soccorso”. Nella nota diffusa si definisce “ineluttabile la necessità di un contingentamento dei posti auto, considerato l’alto numero dei fruitori interni rispetto agli spazi disponibili”.
“Non sarebbe possibile sostenere una difesa ad oltranza di un degrado ancor più grave –hanno continuato Tomasello e Pecoraro - in un complesso dedicato agli studi e all’assistenza sanitaria”.

L’abbonamento verrà garantito a tutti i dipendenti dell’Azienda e dell’Università; duecento posti auto verranno riservati a specializzandi, dottorandi e assegnisti, alle medesime condizioni per tutti (il costo dell’abbonamento per queste categorie è stato stabilito in 7 euro mensili). Per tutti gli altri va da 15 a 50 euro. I maggiori introiti verranno utilizzati dalla società concessionaria per la riduzione del costo orario per tutti gli altri utenti (circa 0,80/0,90 € orari) e per potenziare i servizi navetta. Saranno inoltre garantiti gli accessi per docenti esterni e ospiti della Facoltà e dell’Università. Inoltre, è in itinere un progetto per realizzare in tempi brevi l’anello viario tra la Torre Biologica e la mensa che consentirebbe una maggiore fluidità veicolare e la creazione di altri 250 posti auto. Soddisfazione per l’intesa raggiunta, che contempera le esigenze dell’Azienda e dell’Università, è stata espressa dal Rettore Tomasello.
 
Resta aperto il problema dei volontari che non hanno diritto ad agevolazioni, nonostante la loro preziosa opera. Voci di dissenso si sono registrate, negli ultimi giorni, sul social network “Facebook”, dove è stato creato il gruppo “Quelli che non vogliono pagare il parcheggio al Policlinico” che conta oltre 700 iscritti tra lavoratori, studenti - che lamentano il pagamento delle tasse a fronte di servizi scadenti, aggravati ora dai parcheggia a pagamento (15 euro mensili per il parcheggio di un motociclo) - e semplici utenti che scrivono “andiamo al Policlinico per un esame clinico e, dopo ore e ore di attesa, riteniamo ingiusto pagare il parcheggio”.

Il bus navetta interno che si muove tra i vari padiglioni sarà comunque gratuito.
Quindi, a chi non vuol pagare la sosta, non resta che utilizzare il trasporto pubblico o parcheggiare i mezzi al di fuori della struttura.

Articolo pubblicato il 08 dicembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Il policlinico universitario (vz)
Il policlinico universitario (vz)