Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Incostituzionalità della sanatoria abrogata
di Elisa Latella

Il giudicato amministrativo comporta effetto demolitorio e conformativo. Invasione del potere legislativo nel campo della magistratura

Tags: Scuola, Concorso, Presidi, Lucia Delfino



Abbiamo chiesto un parere alla dottoressa Lucia Delfino, magistrato.
Èlegittimo l’annullamento del concorso e la specifica previsione di ripetere la procedura concorsuale?
“Se la magistratura amministrativa ha ritenuto di annullare il concorso, evidentemente ci sono dei motivi di illegittimità, vista la pluralità dei gradi di giudizio; ritengo che ci sia l’obbligo di ripetere la procedura concorsuale  perché il giudicato amministrativo  comporta più effetti: oltre a quello “demolitorio” che consiste nell’annullamento degli atti amministrativi, anche quello “ripristinatorio” e “conformativo” come nel caso in questione: vale a dire la pubblica amministrazione ha l’obbligo di conformarsi alla pronuncia del giudice amministrativo”.

La sanatoria che è stata abrogata subito dopo l’entrata in vigore era realmente incostituzionale?
“Probabilmente c’erano anche dei profili di incostituzionalità. In primo luogo si ha un’invasione del potere legislativo delegato al Governo nel campo della magistratura. In secondo luogo viene anche  leso il diritto costituzionale di agire in giudizio per tutelare i propri diritti ed interessi legittimi: ciò accade se l’esito di un giudizio può essere congelato da una norma, che vanifica la tutela giurisdizionale”.

Quale può essere il rimedio per chi ha superato il concorso realmente per merito?
“La pubblica amministrazione forse avrebbe dovuto aspettare, vista la pendenza dei giudizi, e magari non far entrare in ruolo subito i presidi vincitori e gli idonei, ricorrendo agli incarichi annuali, o avrebbe potuto in autotutela decidere di ripetere la procedura. Nonostante ciò è difficile che i vincitori di questo concorso possano ottenere un risarcimento, perché dovrebbe essere provata una colpa grave dell’amministrazione”.

Articolo pubblicato il 08 dicembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Scuola: il valzer dei 426 presidi -
    Scuola. In attesa del concorso restano in sella i presidi.
    Politica contro giudici. La politica aveva provato (col decreto 134, convertito nella Legge 167) a “sanare” quello che il Consiglio di giustizia amministrativa aveva deciso, ovvero annullare il concorso per 200 presidi.
    Marcia indietro. Dopo sole 48 ore il dietrofront del Governo che ribadisce l’obbligo per l’amministrazione scolastica di dare esecuzione alla sentenza del Cga ripetendo l’intera procedura concorsuale.
    (08 dicembre 2009)
  • La cronostoria. Un concorso, 200 posti e tante polemiche - (08 dicembre 2009)
  • Oltre ai duecento vincitori assunti anche gli idonei -
    Amarezza da parte del coordinamento regionale dei dirigenti scolastici. Di Stefano: “Le sentenze definitive si devono eseguire”
    (08 dicembre 2009)
  • Incostituzionalità della sanatoria abrogata -
    Il giudicato amministrativo comporta effetto demolitorio e conformativo. Invasione del potere legislativo nel campo della magistratura
    (08 dicembre 2009)


comments powered by Disqus