Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ex Province, Regione indietro tutta
di Rosario Battiato

La rivoluzione del non fare di Crocetta continua: dopo quattro anni di annunci, si va verso un ritorno al sistema precedente. Siope: nel triennio 2013/2015 le spese dei nove Enti hanno sfiorato i due miliardi

Tags: Ex Province, Ars, Rosario Crocetta



PALERMO - Le ultime notizie sul fronte ex Province sono arrivate alla fine del mese scorso e sono neanche a dirlo paradossali. Prima l’approvazione del disegno di legge che sposta ancora una volta le elezioni di secondo grado nei Liberi Consorzi e nelle Città Metropolitane, poi la volontà di tornare all’elezione diretta per i vertici istituzionali.
La Regione, dunque, procede con un clamoroso indietro tutta, gettando alle ortiche anni di lavoro culminati nella legge regionale 15/2015 e lasciando senza soluzione la questione più importante di tutte, vale a dire quella delle spese per il mantenimento dell’apparato.
Dal 2013 al 2015, infatti, le ex Province sono costate quasi due miliardi di euro, ma di soluzioni per abbattere i costi, almeno per il momento, non ce ne sono.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 07 febbraio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐