Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

La Giustizia sbaglia, lo Stato paga
di Fallico Rossella

Mef: “Sicilia, dal 2005 al 2016 liquidati 77,5 mln di euro a titolo di risarcimento (2.187 i ricorsi vinti)”. Errori giudiziari ed ingiusta detenzione, gli innocenti spesso sulla graticola

Tags: Giustizia, Malagiustizia, Sicilia



Giuseppe Gulotta, muratore siciliano, in carcere ci ha passatto ventidue lunghissimi anni. Da innocente.
La sua odissea inizia nel lontano 1976, quando fu accusato insieme ad altre due persone di aver ucciso due carabinieri nella caserma di Alcamo (Tp).
È stato assolto con formula piena nel 2012 dalla Corte di Appello di Reggio Calabria, che è giunta alla conclusione che la confessione degli omicidi gli era stata estorta sotto tortura. La storia di Gulotta è forse il caso più eclatante di malagiustizia in Sicilia.
Secondo i dati del Mef, dal 2005 al 2016 in Sicilia sono stati vinti 2.187 ricorsi e 77,5 milioni di euro è l’enorme cifra liquidata a titolo di risarcimento per ingiusta detenzione ed errori giudiziari. Di questi, 7,5 milioni hanno riguardato il 2016. Nel 2015 la somma liquidata era stata di quasi 6 milioni.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 08 febbraio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus