Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

L’occupazione al Centro
di Melania Tanteri

Sono 40 i punti organizzati in città e 59 gli sportelli multifunzionali in provincia. ll Centro per l’impiego e i seminari sul mercato del lavoro

Tags: Salvatore Riera, Salvatore Drago, Franz Cannizzo



CATANIA - Fare conoscere ai cittadini, lavoratori o disoccupati, i servizi dei Centri per l’impiego, partendo dalle realtà più vicine: le municipalità. Questo lo scopo dei  seminari “Mercato del lavoro e bisogni occupazionali”, organizzati dal Centro per l'impiego di Catania, Sportello multifunzionale IRFAP, con il Patrocinio della Regione Sicilia, in collaborazione con il Comune di Catania, in giro per le circoscrizioni della città etnea.
 
L’ultimo in ordine di tempo, ha avuto luogo presso la settima circoscrizione, Monte Po’ – Nesima. Al centro del dibattito, moderato da Salvatore Riera, responsabile progettazione del Centro Formazione Professionale di Catania, i servizi per l'impiego, le pari opportunità, il rapporto tra territorio e formazione, gli strumenti di riscatto al femminile e i nuovi generatori di occupazione. “Sono circa 40 nella sola Catania – spiega Salvatore Drago, dirigente del Centro per l’Impiego etneo – e 59 in tutta la provincia gli sportelli multifunzionali che aiutano i cittadini nella ricerca del lavoro. Le richieste che ci arrivano - continua - noi le pubblichiamo sulla bacheca del sito internet dell’assessorato al Lavoro della Regione Sicilia, in modo che le aziende, che ci richiedono continuamente figure professionali, possano avere la lista a disposizione”.  20.000 le persone iscritte al servizio nella sola città di Catania nel 2009, a dimostrazione dell’alta domanda di lavoro e della necessità di formazione e informazione, per districarsi in un mercato sempre in evoluzione.
 
“Oggi si trova lavoro con nuovi riferimenti – sottolinea Franz Cannizzo, responsabile di “Nuovaimpresa”, il servizio di assistenza alla creazione d'impresa di Confcommercio Catania – non si può più contare sulla richiesta da parte dell’industria, né sulla Pubblica Amministrazione, ma diventare imprenditori di se stessi. Noi – continua – dal 1996 ad oggi, abbiamo formato oltre 1.000 imprenditori e accompagnato al finanziamento oltre 600 attività”. Il tutto, in un’ottica sempre più legata al territori, alle sue richieste e alle potenzialità presenti.  “Parlare di prospettive di lavoro in un territorio periferico come il nostro è fondamentale –  afferma  Giovanni Fodale, presidente della settima municipalità. L’informazione rispetto agli obblighi dei disoccupati, al lavoro al femminile e agli altri temi trattati – continua – è tanto più utile nelle realtà di periferia, dove molte sono le potenzialità e maggiori le sacche di disoccupazione”.

Articolo pubblicato il 10 dicembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Da sinistra: Riera, Fodale, Drago, Cannizzo (mt)
Da sinistra: Riera, Fodale, Drago, Cannizzo (mt)