Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Bonifiche, acqua e conti a perdere
di Michele Giuliano

La Regione alimenta oltre 2.000 dipendenti di undici Consorzi di bonifica che lasciano a secco 2/3 del territorio. Da 9 anni in attesa di riforma, oggi 73 mln per il personale e oltre 130 mln di debiti

Tags: Bonifica, Inquinamento, Regione Siciliana, Sicilia



Rischia di esplodere tutto il sistema dei Consorzi di Bonifica della Sicilia, oberati dai debiti sempre più crescenti, senza risorse necessarie a garantire la normale attività e soggetti da tempo a subire innumerevoli procedimenti risarcitori. Con i tanti lavoratori sul groppone che gravitano attorno ai Consorzi di Bonifica tra tempo indeterminato e stagionali i costi ogni anno si aggirano sui 73 milioni di euro. Troppo rispetto a quello che queste strutture riescono a garantire a livello di servizi: basta un dato su tutti e cioè che su 160 mila ettari irrigabili, sulla base del censimento fatto dall'Università di Palermo, appena 58 mila sono effettivamente serviti dall'acqua. Questo per i più svariati motivi: per assenza o carenza di infrastrutture in primis. Quest’anno potrebbe anche aggiungersi la calamità della siccità.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 14 febbraio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus