Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Bilancio Regione, è finita la pacchia
di Raffaella Pessina

Taglio del 3% della spesa corrente, più investimenti, recepimento Legge Madia: cosa non è stato fatto fino ad ora. L’Intesa Stato-Sicilia ha fissato obiettivi precisi, sanzioni per le inadempienze

Tags: Regione Siciliana, Bilancio



Riduzione del pubblico impiego regionale e dei centri di costo, riqualificazione della spesa corrente regionale, progressivo incremento delle risorse destinate agli investimenti, pareggio di bilancio, recepimento della legge Madia: sono solo alcuni degli obiettivi fissati da Roma nell’Intesa Stato-Regione firmata dalle parti lo scorso giugno.
La rivoluzione annunciata nel 2012 da Crocetta all’indomani della sua elezione a Presidente della Regione, dunque, non è arrivata dal suo “promotore” per antonomasia, ma direttamente da Roma che ai proclami ha preferito i fatti e ha fissato nel documento in questione gli obiettivi che la Sicilia dovrà raggiungere nel breve-medio termine, pena il mancato trasferimento delle somme “a qualsiasi titolo spettanti alla Regione siciliana”.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 23 febbraio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
I 6 punti dell'Intesa Stato-Regione
I 6 punti dell'Intesa Stato-Regione